ECONOMIA | lunedì 19 agosto 2019 02:21

ECONOMIA | 25 giugno 2019, 15:02

Cas guarda al futuro da protagonista in Valle d’Aosta e investe 15 milioni di euro

Un investimento in sintonia con il Piano Industriale, l'utilizzo di uno strumento innovativo come il Minibond, insieme ad altri investitori professionali si può sostenre il programma di crescita dell'azienda

L'Ad Monica Pirovano e Pier Maria MInuzzo che si occupa di risorse umane

L'Ad Monica Pirovano e Pier Maria MInuzzo che si occupa di risorse umane

Sostegno della crescita organica e del continuo sviluppo tecnologico per affiancare ai consolidati settori dell’Automotive, del Power Generation e dell’Oil & Gas, quello strategico dell’Aerospace. Sono 25 parole fondamentali pronunciate Monica Pirovano, Amministratore Delegato, per riassumere il programma industriale della Cogne Acciai Speciali per prossimo quadriennio 2019-2023.

Le 25 rassicuranti parole che fanno intendere un consolidamento dell’azienda in VdA, la manager le pronunciate in occasione della presentazione dell’emissione di nuovo Minibond da 15 milioni di euro che è stato sottoscritto per 10 milioni da Cassa Depositi e Prestiti, anchor investor dell’operazione, e per la restante parte da Iccrea BancaImpresa (la Banca corporate del Gruppo Bancario Cooperativo Iccrea) e, in misura minoritaria, da altri investitori.

“Con questa operazione - commenta Nunzio Tartaglia Responsabile CDP Imprese – supportiamo un'eccellenza italiana nella realizzazione di un piano di efficientamento energetico dalla forte connotazione ambientale. Un investimento, quindi, in sintonia con il nostro Piano Industriale, orientato allo sviluppo sostenibile delle imprese italiane. Grazie all'utilizzo di uno strumento innovativo come il Minibond, insieme ad altri investitori professionali possiamo sostenere il programma di crescita dell'azienda”.

Esperti finanziari, come Simone Brugnera, Responsabile Area Minibond di Banca Finint, spiegano che “Cogne Acciai Speciali ha intrapreso un apprezzabile percorso sul mercato dei capitali. Con questa seconda emissione ha deciso di riproporsi nuovamente sul mercato ottenendo condizioni più favorevoli: i risultati che l'azienda ha ottenuto negli ultimi anni hanno riscontrato la fiducia di un partner finanziario di elevatissimo standing come Cassa Depositi e Prestiti, che con questa emissione ne consentirà la progressione sul mercato dei capitali a garanzia della continuità dell'importante percorso di crescita aziendale”.

“Con questa operazione - commenta Nunzio Tartaglia Responsabile CDP Imprese – supportiamo un'eccellenza italiana nella realizzazione di un piano di efficientamento energetico dalla forte connotazione ambientale. Un investimento, quindi, in sintonia con il nostro Piano Industriale, orientato allo sviluppo sostenibile delle imprese italiane. Grazie all'utilizzo di uno strumento innovativo come il Minibond, insieme ad altri investitori professionali possiamo sostenere il programma di crescita dell'azienda”.

red. eco.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore