/ CRONACA

CRONACA | 22 giugno 2019, 19:14

Riaperta la corsia nord dell'autostrada A5 Pont Saint Martin - Quincinetto (AGGIORNAMENTO)

Presidente Fosson e assessore Bertschy, 'non è possible lasciare territori e amministrazioni locali isolate e in situazione di estremo disagio, con gravi ripercussioni economiche soprattutto per il settore turistico'

La frana così come evidenziata da meteoweb

La frana così come evidenziata da meteoweb

È stata riaperta, poco dopo le 17, la circolazione sull'A5 Torino-Aosta, chiusa questa mattina per una frana, verificatasi in località Chiappetti di Quincinetto (Torino), che si è staccata dal versante della montagna che si trova a ridosso dell'autostrada. La società Ativa che gestisce quel tratto della A5, una volta rilevate le condizioni di sicurezza, ha deciso per la riapertura parziale: tra Quincinetto e Pont-Saint-Martin ora si viaggia sulla carreggiata in direzione Aosta con doppio senso di marcia. Resta precauzionalmente chiusa la carreggiata in direzione Torino.

Rilevate le condizioni di sicurezza, la società Ativa che gestisce quel tratto della A5, ha deciso per la riapertura parziale: tra Quincinetto e Pont-Saint-Martin ora si viaggia sulla carreggiata in direzione Aosta con doppio senso di marcia. Resta precauzionalmente chiusa la carreggiata in direzione Torino. Polizia stradale e personale Anas sono sul posto per la gestione della viabilità.

Lunghe code di mezzi pesanti e di auto, soprattutto di turisti giunti in Valle per il fine settimana o per le vacanze estive, si sono formate sin dai primi minuti dopo la chiusura con tempi di attesa di diverse ore.

L'evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile su tutti gli smartphone e i tablet con l`applicazione 'VAI' di Anas, disponibile gratuitamente in 'App store' e in 'Play store'. Il servizio clienti 'Pronto Anas' è raggiungibile chiamando il numero verde gratuito 800.841.148.

 

Quanto all'evoluzione della situazione complessiva della 'frana Chiappetti' "va riverificata al più presto – commentano il Presidente della Giunta, Antonio Fosson e l’assessore ai Trasporti, Luigi Bertschy – poiché non è possible lasciare territori e amministrazioni locali isolate e in situazione di estremo disagio, con gravi ripercussioni economiche soprattutto per il settore turistico".

Fosson e Bertschy chiedono "fin da subito al ministero delle Infrastrutture di sedersi al tavolo con Valle d’Aosta e Piemonte per affrontare in maniera strutturale la questione. Apriremo quindi un tavolopolitico- tecnico urgente sul quale ci siamo già confrontati con gli amministratori regionali e comunali del Piemonte e al quale chiediamo prenda parte lo Stato per garantire massima attenzione all’argomento".

Un ringraziamento va "al Sistema di Protezione civile regionale che ha subito lanciato la preallerta del Piano di vialibità regionale intervenendo sulla situazione del traffica di uscita e in entrata dall’autostrada".

Caratteristiche della frana

Si tratta di vari fenomeni franosi di differente tipologia e natura: alcuni possono avere un'evoluzione estremamente rapida e altri più lenta, ma tutti sono collegati tra loro. A innescare il crollo - prima dei blocchi instabili in alto e poi della grande frana sottostante (che si trova tra 1150 e 750 metri di quota) - possono essere piogge prolungate e particolarmente intense. Finora il movimento del fenomeno franoso è stato piuttosto costante (massimo un centimetro all'anno).

I sensori del Sistema di Monitoraggio integrato installati da Sav lungo il versante della montagna interessata dall'evento, in collaborazione con il Centro per la Protezione Civile dell'Università di Firenze, avevano evidenziato "su due punti di rilevamento il superamento, a seguito delle forti precipitazioni di ieri, della soglia di velocità 2 con il raggiungimento del livello di criticità rosso che prevede, secondo i protocolli adottati, la chiusura del tratto autostradale con deviazione su altra viabilità e filtraggio dei mezzi pesanti". Poi dati sono rientrati sotto le soglie di sicurezza e il tratto autostradale è stato riaperto al traffico con una corsia per senso di marcia.

 

 

 

red. cro.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore