Aosta Capitale | venerdì 22 novembre 2019 06:53

Aosta Capitale | 17 giugno 2019, 15:15

Del quartiere Cogne si deve ricordare il ruolo sociale ed economico

Il comportamento di poche persone che, ancora in questi ultimi giorni, con la loro attività criminale, hanno infangato il buon agire di tanti cittadini onesti e rispettosi della legge

Del quartiere Cogne si deve ricordare il ruolo sociale ed economico

Il Quartiere Cogne non è un’enclave criminale nella città di Aosta ma un tutt’uno con il tessuto urbano della città che va dal Quartiere Dora a Saint Martin De Corleans. Grossomodo è l’opinione dell’assessore ai servizi sociali del Comune di Aosta, Luca Girasole che ha promosso a inizio giugno la Prima Festa del Quartiere Cogne. Un Quarteire che orbita attono al Santuario Maria SS Immacolata che risale alla fine degli anni '50.

Un commento, quello di Girasole che vuole in qualche modo rendere giustizia alle migliaia di persone per bene, rispettose della legge e impegnate a mantenere per il loro quartiere la fama di Quartiere Operaio inteso come quartiere di lavoratori che contribuiscono al benessere generale.

L’attività di poche persone che, ancora in questi ultimi giorni, con la loro attività criminale, hanno infangato il buon agire di tanti cittadini onesti e rispettosi della legge.

“Il nostro quartiere – ha telefonato in redazione una signora – non è un centro di spaccio, non ha vele né è un bronx, ma è un zona residenziale della città dove si vive in armonia e poche persone comn il loro comportamento non possono certo screditarci”.

Infatti, oggi in troppi si esprimono ideologicamente sul Quartere Cogne ma alcuni malavitosi risiedono da oltre 20 anni. Non è possibile che tutto ora faccia schifo, anche a chi è stato eletto in Consiglio per contribuire a rendere Aosta più sicura. Per fare un esempio tra gli arrestati vi è una persona alla quale hanno hanno sequestrato una pistola che da anni risiede nel quartiere e sicuramente non è da ieri che dispone dell'arma.

Il progetto dell’assessore Girasole per la realizzazione della prima festa del Quartiere Cogne ha una forte valenza sociale e rappresenta un’occasione per valorizzare un’area che avrebbe bisogno di una presenza più assidua della Polizia Locale per contribuisce ad incrementare la sicurezza urbana.

C’è da augurarsi che il progetto di Luca Girasole si inserisca in una più ampia operazione di rivalutazione dei Quartieri di Aosta che potrebbe favorire la convivenza e la coesione sociale.   Un progetto di rivalutazione che potrebbe vedere protagoniste le scuole con l’organizzazione di giornate ludico sportive tra le varie realtà dei Quartieri, patrimonio di tutta la città congiuntamente alle frazioni, ma poco considerati.

pi.mi.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore