ATTUALITÀ POLITICA | martedì 17 settembre 2019 13:17

ATTUALITÀ POLITICA | 13 giugno 2019, 19:11

COMUNICAZIONE POLITICA AUTOGESTITA: Per la sinistra la sanità valdostana non ha problemi

COMUNICAZIONE POLITICA AUTOGESTITA: Per la sinistra la sanità valdostana non ha problemi

Nella seduta del Consiglio regionale del 13 giugno, insieme ai colleghi di Mouv’, abbiamo presentato una mozione di sfiducia nei confronti dell’Assessore alla sanità e politiche sociali Mauro Baccega.

La mozione si è resa necessaria a causa del cattivo stato di salute in cui versa la sanità valdostana: liste di attesa che si protraggono all’infinito, inadeguatezza delle apparecchiature medicali che non consentono diagnosi precoci in grado di assicurare cure tempestive, carenza di medici, minacce di sciopero e tutti gli altri disservizi di cui ogni giorno veniamo a conoscenza. Criticità che sono suffragate da numerosi dati statistici di cui l’Assessore, nelle dichiarazioni rilasciate agli organi di informazione, pare essere completamente all’oscuro.

Il dibattito in aula è apparso, sin da subito, al limite del surreale. Solo un anno fa le stesse criticità venivano sollevate dalle stesse persone che oggi, sedute sugli scranni del Governo, le minimizzano.

A stupire maggiormente sono state però le prese di posizione di alcuni partiti di minoranza che, nonostante le numerose iniziative sul tema da loro stessi presentate in questi mesi, sono arrivate oggi a difendere l’operato dell’attuale Assessore.

Un Assessore che non rappresenta altro che il segno di quella continuità governativa che ha portato la sanità valdostana al livello attuale. Un sistema sanitario che, a livello pro capite, spende più di tutti gli altri sistemi sanitari in italia e che, in proporzione, da meno degli altri. Nonostante i valdostani spendano in ticket il doppio della media italiana e un terzo in più della seconda in classifica, questo non garantisce una salute migliore ai valdostani.

Malgrado i dati oggettivi che abbiamo evidenziato nel corso del dibattito in aula, non solo chi ci governa, ma anche chi siede in Consiglio fra i banchi della minoranza e dovrebbe criticare il sistema puntando al cambiamento, ha difeso con il proprio voto l’operato dell’Assessore, sostenendo che le critiche evidenziate sarebbero strumentali e solo con valenza politica.

Vedremo fra pochi mesi, quando la sanità valdostana sarà definitivamente al collasso, se queste critiche erano strumentali oppure oggettive. Intanto, chi con il proprio voto e la propria assenza oggi ha salvato questo sistema, chi non si è schierato contro questo progressivo declino sarà complice delle scelte sbagliate che da oggi in poi verranno fatte!

Lega

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore