Dai comuni | giovedì 18 luglio 2019 22:09

Dai comuni | 12 giugno 2019, 22:12

DA COURMAYEUR L'OPINIONE DI VAGLIO: L'attaccamento alla poltrona di Corio

Giovedì 20 giugno alle ore 21 dibattito-confronto pubblico sul tema: "Cosa succede a Courmayeur"

DA COURMAYEUR L'OPINIONE DI VAGLIO: L'attaccamento alla poltrona di Corio

Con riferimento alle dimissioni dal movimento EPAV rassegnate dal Vicesindaco di Courmayeur, il consigliere comunale, Alberto Vaglio, non entrando nel merito della questione politica riguardante il movimento, vuole solo precisare quanto segue:

“Da quando ho rassegnato le mie dimissioni da Capogruppo, nel settembre 2018, non ho mai coinvolto nelle questioni amministrative di Courmayeur il movimento EPAV di cui faccio parte. In tutti questi mesi non sono mai stato contattato da nessuno della maggioranza.

A inizio maggio, invece, il signor Corio ha chiesto un incontro ufficiale con il sottoscritto per il tramite del Presidente del movimento, incontro avvenuto il 13 maggio 2019. In tale occasione, con mia grande sorpresa, il signor Corio ha chiesto al movimento di assumere una posizione di supporto alla maggioranza del Comune. A questo punto si è cominciato a ragionare tutti assieme in merito ai contenuti su cui basare questo sostegno, ma nel frattempo, senza che il Vicesindaco sentisse la necessità di informare il sottoscritto o il movimento, la situazione amministrativa all’interno della Giunta degenerava e si assisteva al balzello delle poltrone.”

Il consigliere comunale Alberto Vaglio tiene a precisare che “sapendo di aver partecipato a una lista civica, nel pieno rispetto del mandato elettorale, non ho mai coinvolto il mio movimento politico. Piuttosto non capisco perché il signor Corio, oggi all’improvviso, ha deciso di chiedere sostegno al movimento quando, in occasione delle mie dimissioni, aveva tenuto a sottolineare, la sua indipendenza politica.

Prendo atto che nel momento in cui il movimento EPAV ritiene di assumere una certa posizione nei confronti dell’amministrazione comunale il signor Corio decide di uscirne. Ma allora perché dopo otto mesi si è all’improvviso ricordato di appartenere a un movimento? E ancora, ha condiviso prima con la sua maggioranza il coinvolgimento di EPAV?

Credo che l’attaccamento alla sua poltrona, già dimostrato a settembre 2018 in occasione delle mie dimissioni, sia la motivazione più forte che lo fa agire in piena coerenza con il suo mandato".

Alberto Vaglio

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore