AMBIENTE | lunedì 24 giugno 2019 20:27

AMBIENTE | 18 maggio 2019, 11:22

Con 'Boudza-te' Gressan sostiene chi va a lavoro o a scuola in bicicletta

Un tratto della strada ciclabile di Gressan

Un tratto della strada ciclabile di Gressan

L’Amministrazione di Gressan ha aderito al progetto sulla mobilità sostenibile denominato Boudza-té, che prevede incentivi per coloro che - in possesso dei requisiti prestabiliti dall'apposito Regolamento dell'iniziativa - hanno l’intenzione di sostituire il mezzo a motore, auto o moto, per gli spostamenti casa lavoro o scuola e viceversa con una mobilità di tipo alternativo, ovvero a piedi o in bicicletta.

Il progetto avrà inizio a Gressan sabato 1 giugno e proseguirà fino a giovedì 31 ottobre; si ispira a iniziative già attive in alcuni comuni italiani e, soprattutto nel nord Europa e incentiva l’impiego della bicicletta come mezzo di trasporto con indubbie ricadute positive sulla salute e sull’ambiente”.

"L'iniziativa - spiega Giulio Doveri, Direttore di Medicina interna - oltre agli aspetti economici è importante per la salute". Doveri ricorda che "il movimento migliora i parametri respiratori e cardiovascolari, potenzia il tono muscolare, riduce la glicemia, contiene l’aumento della pressione arteriosa e aumenta il colesterolo buono HDL. Vi sono benefici anche rispetto alla serenità derivante dallo scarico delle tensioni quotidiane”.

Il successo dell’iniziativa potrà generare una riduzione dell’inquinamento e aumentare la sicurezza dei pedoni. Inoltre, riducendo la velocità di spostamento, ci sarà anche il beneficio di poter godere della bellezza del paesaggio, apprezzandolo maggiormente e scoprendolo da una prospettiva diversa rispetto a quella data dal passaggio in auto.

Per informazioni: www.comune.gressan.ao.it oppure Biblioteca di Gressan (al lun al ven 14.00-19.00; sab 9.30-14.30 / Tel: 0165.25.09.46, Fax: 0165.25.09.51, e-mail:biblioteca@comune.gressan.ao.it).

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore