CRONACA | giovedì 18 luglio 2019 01:23

CRONACA | 15 maggio 2019, 13:32

Da Unione Comunità montane solidarietà a sindaco Courmayeur indagato per omicidio colposo

Stefano Miserocchi

Stefano Miserocchi

Al sindaco di Courmayeur, Stefano Miserocchi, indagato nell'ambito di un'inchiesta per omicidio colposo plurimo, disastro colposo e lesioni colpose relativa alla colata detritica del 7 agosto 2018 che aveva provocato la morte di due persone, l'Unione nazionale delle Comunità montane-Uncem e il sistema di Enti locali montani italiani esprimono "vicinanza e solidarietà".

"La stessa solidarietà - si legge in una nota - espressa ad agosto 2018 al sindaco di Civita Alessandro Tocci, indagato dopo la tragedia del torrente Raganello. Casi analoghi a quelli recenti di Genova e Livorno, dove i sindaci sono rimasti coinvolti in inchieste e indagini a seguito di eventi calamitosi e situazioni di rischio".

Uncem "ha sempre sostenuto e ribadisce oggi che i sindaci non possono essere il capro espiatorio e il parafulmine per ogni situazione emergenziale che tocca il territorio. Vi sono situazioni imprevedibili, come la frana di Courmayeur, nelle quali i Sindaci non possono fare alcuna azione preventiva o contingente. Eppure, in troppe occasioni restano coinvolti in azioni giudiziarie, che vogliamo rispettare ma allo stesso tempo inquadrare come effetto distorto di un sistema istituzionale del Paese che tende a scaricare moltissime, troppe, responsabilità sui livelli più bassi e più deboli".

i.d. - ansa-rava

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore