INTEGRAZIONE E SOLIDARIETÀ | mercoledì 13 novembre 2019 00:50

INTEGRAZIONE E SOLIDARIETÀ | 14 maggio 2019, 16:45

Ospitalità migranti, tagli a posti e fondi economici

Migranti al lavoro volontario in un comune valdostano

Migranti al lavoro volontario in un comune valdostano

Stretta sostanziale alla disponibilità e alle risorse, nel bando di gara biennale per il servizio di accoglienza dei richiedenti protezione internazionale in Valle d'Aosta.

Sono previsti al massimo trecento posti anziché i 602 del biennio precedente (poi ridotti a 444 per il piano Anci) e una base d'asta di 18 euro giornalieri per migrante invece di 35. 

Vitaliano Vitali, dirigente degli Affari di prefettura, oggi all'Assemblea del Consiglio permanente degli enti locali-Cpel ha ha spiegato che considerati gli importanti tagli, legati alla stretta del governo nazionale sull'immigrazione, alcuni enti gestori che hanno già manifestato l'intenzione di non partecipare alla gara.

E' previsto inoltre per ogni migrante un kit d'ingresso di 150 euro con vestiario e una scheda telefonica da 5 euro, mentre prima era di 15.

"Ad oggi abbiamo 202 migranti, non più il pienone che c'era fino al 2017" ha spiegato Vitali. La gara riguarda "singole unità abitative", fino a 25 posti (eliminato limite inferiore di 8), "che hanno dato meno problemi sul territorio". Restano esclusi i comuni con progetti ex Sprar: Saint-Vincent, Champorcher e Saint- Rhémy-en-Bosses.

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore