ATTUALITÀ ECONOMIA | martedì 25 giugno 2019 14:42

ATTUALITÀ ECONOMIA | 14 maggio 2019, 09:30

E PER COMPAGNA LA SOLITUDINE

E PER COMPAGNA LA SOLITUDINE

Valle d'Aosta, noutra tera. 126.883 anime sparse su 74 Comuni. Donne 64.710 (51%), uomini 62.173 (49%). Famiglie 69.018 con una media di 2,1 componenti per nucleo familiare. Sono dati raccolti dall'Annuario statistico della Regione e dalla pubblicazione Statistiche Italia.it.

Le statistiche ci dicono, in maniera a volte impietosa, come siamo, da dove veniamo e qual'è l'orizzonte futuro della nostra realtà. C'è una tavola, ad esempio, che descrive le previsioni demografiche, i bilanci della popolazione valdostana dal 2019 al 2065.

(nella foto: La famiglia di Balthazar Haudemand di La Salle, 13 figli 1906-1907)

Ebbene, se prendiamo per buona la previsione "mediana", tra quella "inferiore" e quella "superiore", troviamo che la nostra popolazione è destinata a scendere nel 2065 a 115.262 abitanti. Una previsione infausta, che trova purtroppo conferma nel fatto che in Valle il tasso di fecondità delle donne residenti è di appena 1,4 figli, che sarebbe anche più basso se non si tenesse conto del tasso di fecondità delle donne straniere in Valle (2,1 figli per donna). E c'è anche una notevole tendenza all'invecchiamento della popolazione da tenere presente.

I Valdostani con più di 65 anni di età sono circa 30 mila, pari al 23,5% della popolazione. In pratica un valdostano su quattro supera i 65 anni con una speranza di vita di poco superiore a 80 anni per gli uomini e a 85 per le donne. Ma ci sono anche altri dati che meritano più di una riflessione per la nostra politica e per chi si dedica per lavoro ai problemi della famiglia. Celibi e nubili in Valle (i cosiddetti "single") sono 58.078, gli sposati 54.971, i divorziati 5.499, i vedovi 9.867 (di cui 8.238 vedove).

E, infine, c'è un dato che mi lascia perplesso e mi preoccupa. Sulla base delle ultime rilevazioni statistiche circa il 40% delle 60.818 famiglie valdostane è formato da un solo componente (si parla di famiglie "unipersonali").

La Valle si colloca così al secondo posto in Italia dopo la Liguria (al 41%) per la solitudine dei suoi abitanti. Altri tempi, se si pensa alle vecchie foto di famiglie valdostane, come quelle commentate da René Willien (Vieille Vallée) per Priuli e Verlucca editori.

romano dell'aquila

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore