Governo Valdostano | martedì 16 luglio 2019 07:10

Governo Valdostano | 11 maggio 2019, 07:16

Otto borse di studio regionali per la formazione specialistica dei medici

Otto borse di studio regionali per la formazione specialistica dei medici

Servono professionisti sanitari, in Valle d'Aosta. La Giunta regionale ha così determinato, per l’anno accademico 2018/2019, il fabbisogno di medici specialisti nell’ambito del Servizio sanitario regionale con l’attivazione di otto contratti di formazione specialistica aggiuntivi regionali nelle scuole di specializzazione di area sanitaria dell’Università degli Studi di Torino.

È stato, inoltre, approvato il finanziamento di otto contratti di formazione specialistica aggiuntivi regionali nelle seguenti specializzazioni:

un contratto aggiuntivo regionale nella scuola di specializzazione in anestesia, rianimazione, terapia intensiva e del dolore della durata di cinque anni;

un contratto aggiuntivo regionale nella scuola di specializzazione in ginecologia e ostetricia della durata di cinque anni;

un contratto aggiuntivo regionale nella scuola di specializzazione in malattie dell’apparato cardiovascolare della durata di quattro anni;

un contratto aggiuntivo regionale nella scuola di specializzazione in medicina d’emergenza-urgenza della durata di cinque anni;

un contratto aggiuntivo regionale nella scuola di specializzazione in oftalmologia della durata di quattro anni;

un contratto aggiuntivo regionale nella scuola di specializzazione in ortopedia e traumatologia della durata di cinque anni;

un contratto aggiuntivo regionale nella scuola di specializzazione in pediatria della durata di cinque anni;

un contratto aggiuntivo regionale nella scuola di specializzazione in psichiatria della durata di quattro anni.

Per effetto di un intenso lavoro che ha visto la collaborazione di diversi assessorati e dell’Azienda Usl VdA, quest’anno sarà possibile attivare quattro borse di studio in più rispetto agli anni passati (arrivando così ad un totale di otto) che rappresentano un tassello fondamentale per dare risposte concrete alla carenza delle figure mediche e che permetteranno di formare specialisti che poi saranno vincolati per un periodo minimo complessivo di cinque anni a prestare servizio presso l’Azienda Usl della Valle d’Aosta.

Ai fini dell’assegnazione dei contratti aggiuntivi regionali sopraindicati è richiesto il possesso, oltre che della laurea in medicina e chirurgia e dell’abilitazione alla professione medica, anche dei seguenti ulteriori requisiti specifici stabiliti dall’art. 2 della legge regionale 11/2017:

a)  iscrizione all’Ordine dei medici-chirurghi e degli odontoiatri della Regione autonoma Valle d’Aosta/Vallée d’Aoste alla data di inizio delle attività didattiche delle scuole di specializzazione;

b)  residenza in Valle d’Aosta da almeno tre anni, alla data di presentazione della domanda di partecipazione al concorso di ammissione alla scuola di specializzazione.

È necessaria, altresì, la sottoscrizione, presso gli uffici della struttura Sanità ospedaliera e territoriale e gestione del personale sanitario dell’Assessorato della Sanità, Salute e Politiche sociali della Regione autonoma Valle d’Aosta, dell’impegno a prestare servizio presso le Strutture dell’Azienda USL della Valle d’Aosta per un periodo minimo complessivo di cinque anni, da effettuarsi su apposito modulo predisposto dagli uffici competenti, prima dell’immatricolazione alla scuola di specializzazione dell’Università degli Studi di Torino.

Ciascun candidato può iscriversi al concorso esclusivamente in modalità on line accedendo al portale Universitaly (www.universtitaly.it), la cui procedura è stata attivata giovedì 9 maggio 2019 e si chiuderà alle ore 15 di martedì 21 maggio 2019.

Per ogni informazione è possibile rivolgersi alla Struttura sanità ospedaliera e territoriale e gestione del personale sanitario - telefono 0165/274236 - oppure scrivere all’indirizzo: studimedicina@regione.vda.it.


i.d.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore