Consiglio Valle | domenica 21 luglio 2019 09:32

Consiglio Valle | 06 maggio 2019, 11:02

L'OPINIONE DI SARA FAVRE: La Gente è schifata

#donna che dedica molto del suo tempo alla politica, cercando di conciliare questo strano mondo con il lavoro e la famiglia. Parlo da donna, appunto, che sta lavorando sodo, insieme a tante altre persone che come me ci credono, per cercare di restituire ciò che al popolo unionista, e valdostano tutto, è stato tolto: la fiducia nella politica, nei movimenti, nei partiti.

L'OPINIONE DI SARA FAVRE: La Gente è schifata

La Prersidente del Consiglio comunale di Aosta ha postato su fb:

La bassezza della comunicazione politica sta superando ogni limite e gli stratagemmi usati fanno venire l’orticaria, perché c’è la gara a chi, tra i populisti, riesce ad essere il più populista!

Ci sono regole? Ci sono mai state in questo ambito? Il consigliere regionale #stefanoferrero parla di strategia, diplomazia e opportunismo nella politica valdostana, che a suo dire avrebbero aperto le porte alla malavita. Bene.....Anzi, male.

Perché mi sembra che lui, come tanti altri, abbia ben usato questi tre ingredienti. Pur prendendone le distanze ora. Parlo da Sara Favre, eletta nelle file dell’UV, parlo da libera cittadina, parlo da #donna che dedica molto del suo tempo alla politica,  cercando di conciliare questo strano mondo con il lavoro e la famiglia.Parlo da donna, appunto, che sta lavorando sodo, insieme a tante altre persone che come me ci credono, per cercare di restituire ciò che al popolo unionista, e valdostano tutto, è stato tolto: la fiducia nella politica, nei movimenti, nei partiti.

 Parole che ora attirano solo dei grandi “buuu” da parte della gente che schifata, prende le distanze.E lo faccio restando nel partito autonomista storico che ha visto i suoi natali nel lontano 1945, perché è così che si fa: si resta qui a “lottare” in nome di un qualcosa in cui si crede, perché prima di cambiare casacca come tanti fanno e hanno fatto “per il bene” di non si sa cosa, si cerca di apportare ogni cambiamento, aggiornamento, attualizzazione dall’interno.

Siamo nell’era del “butto via, piuttosto che aggiustare”: io non voglio vederla così e per rispetto di coloro che a suo tempo hanno dato vita in maniera illuminata al Mouvement, non mollo. Non ora, in un momento in cui sarebbe sicuramente facile farlo per opportunità ...

L’immagine dell’UV è stata sporcata, e con immensa tristezza ammetto che è necessario tirare su bene bene le maniche perché c’è da lavare per togliere fango e rifiuti organici solidi. Oh, se c’è da lavare! Ma si fa. E come ogni cambiamento che nasce da dentro, richiede maggiori sforzi e maggiore tempo. Perché non punta a distruggere, ma a ristrutturare. Cos’è, gli unici degni di parola ed espressione di pensiero sono quelli che applicano o hanno applicato la tecnica del “me ne vado”? Chi resta e lavora allora merita solo insulti? 

Non ci sto. Perché troppo spesso quella tecnica viene applicata per restare in qualche maniera sempre sulla bocca della gente, per timore di essere dimenticati se invece di essere in prima fila, si passa nelle retrovie per lavorare sodo e rilanciando principi, progetti, prospettive. E questo vale ovviamente per tutti i nuovi pseudo partiti e movimenti che pensano di aver scoperto l’acqua calda, ma vale anche per chi continua a macinare per avere una UV vecchio stile!!!!!...sentire per l’ennesima volta usare l’argomento ‘ndrangheta come grimaldello per gettare ulteriore cacca sull’UV e sugli unionisti che si stanno facendo il mazzo, beh, a casa mia si chiama strategia.

E francamente anche un po’ da “paraculo”, perché si usano parole chiave che fanno paura e ribrezzo....Così come è strategia decidere di uscire dal Movimento 5 Stelle sull’onda della visibilità e notorietà acquisita proprio grazie ad esso, senza però rinunciare al posto di consigliere regionale, così da potersi ricandidare in una eventuale lista civica senza necessità di raccogliere firme, ma anzi, mollando il cerino in mano ai pentastellati che proprio questo hanno dovuto fare...#stefanoferrero decide di appoggiare oggi la persona, sulla quale nulla vi è da eccepire, per carità, che rappresenta però il lupo che, travestito da agnello, si mangerà la nostra valdostanità, le nostre peculiarità, e ci manderà dritti dritti ad essere provincia di una macroregione alpina, nella migliore delle ipotesi, magari dopo aver fatto suicidare l’Italia insistendo per una uscita dall’Europa.

Perché chi rappresenta la Lega deve seguire, volente o nolente, logiche della Lega🤷🏼‍♀️.Dov’è l’interesse per la VdA?!La poltrona è la poltrona, vero? Mi sa tanto di strategia anche questo appoggio alla Lega.... Da quella comoda poltrona troppo spesso ci si permette di insultare liberamente asfaltando ogni cosa e coltivando la piantagione dell’odio e della diffidenza: “sei dell’UV? Mamma mia, allora hai la peste!”, “ti candidi per rappresentare i partiti autonomisti? Mamma mia, allora non sei integro moralmente, non sei capace, non sei preparato, non hai esperienza, né indipendenza di giudizio ed equilibrio”.

Ah già, per noi non si applica la logica della “persona valida”. Basta!

Seduti da quella poltrona, provateci.... a dare il buon esempio, tutti, nessuno escluso.

Perché vedo solo che, a turno, vi permettete di fare il bello e il cattivo tempo con l’unico obiettivo, mi viene da dire, di mantenere una instabilità deleteria per la nostra Regione, così da giustificare la vostra esistenza. E se proprio non ci riuscite, tacete.

Ma almeno non fingetevi vergini, perché è un insulto all’intelligenza del popolo valdostano.

sara favre su fb

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore