Salute in Valle d'Aosta | mercoledì 22 maggio 2019 07:54

Salute in Valle d'Aosta | 04 maggio 2019, 11:14

Medici valdostani contro le nuove droghe che minacciano i giovani

Medici valdostani contro le nuove droghe che minacciano i giovani

'Il cervello degli adolescenti. Le nuove droghe' è il titolo del corso di formazione sanitaria che si svolgerà  ad Aosta nella giornata di martedì 7 maggio a Palazzo regionale.                                  

Il corso è diretto a medici ospedalieri (psichiatri, neuropsichiatri infantili, pediatri, neurologi, medici d’urgenza, internisti, rianimatori); psicologi; medici e pediatri di base .                                           

Partecipa il professor Carlo Locatelli, responsabile del Centro antiveleni di Pavia, uno dei massimi esperti sulle nuove sostanze d'abuso, che affrontaterà il tema delle nuove sostanze stupefacenti, la loro disponibilità, gli effetti e la casistica; mentre Valerio Ricci e Gerardo Di Carlo,  Dirigenti medici presso la Struttura Complessa dell’Usl valdostana, relazioneranno rispettivamente sulla neurobiologia delle dipendenze e il cervello degli adolescenti e sugli effetti psicopatologici delle sostanze d'abuso.                

“Nell’ultimo decennio l’Europa ha assistito ad un profondo mutamento nello scenario del mercato delle droghe di abuso", spiega il dottor Valerio Ricci, Dirigente medico psichiatra presso la Struttura Complessa di Psichiatria dell’Usl VdA.  

“Inoltre nuove modalità di produzione, vendita, acquisto e consumo nonché l’avvento del web  - prosegue il medico - hanno facilitato l’emergere e la diffusione di un nuovo mercato di sostanze quasi-legali o 'nuove sostanze psicoattive’. Contestualmente, il mercato delle ‘sostanze stupefacenti tradizionali’ è stato implementato - anche se non completamente rimpiazzato - da una notevole varietà di nuovi composti con proprietà psicoattive. Ormai gran parte dei dipartimenti di emergenza e salute mentale si trovano a fronteggiare situazioni complesse e poco conosciute spesso indotte da sostanze d'abuso non ancora catalogate e vendute attraverso il dark internet, la parte nascosta di internet dove è possibile acquistare facilmente sostanze potenzialmente tossiche".               
                      

val. pra.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore