CRONACA | lunedì 24 giugno 2019 20:26

CRONACA | 03 maggio 2019, 08:46

Agcm sanziona 6 operatori: sistema di vendita ingannevole

Agcm sanziona 6 operatori: sistema di vendita ingannevole

L’Autorità Garante per la Concorrenza nel Mercato ha sanzionato il comportamento scorretto utilizzato da alcuni operatori attivi nel settore dell’e-commerce. La pratica in questione attiene al cosiddetto “Buy&Share” che viola in più parti il codice del Consumo. 

Oggetto dell’istruttoria e della sanzione, che nel complesso supera il milione di euro, sono stati sei domini (girada.com, zuami.it, bazaza.it, listapro.it, shopbuy.it, ibalo.it e 66×100.com).

Questi, con modalità diverse, hanno promosso un’offerta commerciale nella quale i consumatori sono stati invitati ad “acquistare” prodotti ad un prezzo particolarmente scontato, versando immediatamente il prezzo scontato richiesto, salvo poi dover attendere, per poter conseguire il prodotto, che altri consumatori effettuassero un analogo acquisto.

Per poter ottenere il bene al prezzo scontato, il consumatore doveva inoltre attivarsi per individuare direttamente i nuovi acquirenti, generalmente 2 o 3, ovvero attendere in una specifica lista gestita dal venditore che altri consumatori “acquistassero” il medesimo prodotto. L’Autorità ha accertato che, in realtà, il pagamento richiesto costituisce unicamente una sorta di prenotazione del bene e non il prezzo scontato di acquisto del bene stesso. Infatti, solo le prenotazioni e i versamenti effettuati da altri consumatori consentono al primo consumatore di conseguire il bene prescelto al prezzo di prenotazione.

Nel caso di attesa nella lista del venditore, inoltre, non vengono resi noti i meccanismi di funzionamento, scorrimento della stessa lista ed i tempi di attesa, aspetti che rendono estremamente aleatorio l’ottenimento e la consegna del bene. Gli accertamenti istruttori hanno inoltre evidenziato che ai consumatori viene impedito l’esercizio di diritti contrattuali, ovvero di essere rimborsati di quanto originariamente versato, di acquisire il prodotto ad un prezzo di mercato e di esercitare il diritto di recesso.

Le violazioni del Codice del Consumo rilevate sono state ritenute gravi in considerazione delle condizioni particolari e aleatorie dell’offerta, in grado di attrarre un numero sempre crescente di prenotazioni e di ingannare un numero crescente di consumatori, nonché condizionare indebitamente coloro che vi hanno aderito.

bruno albertinelli

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore