AGRICOLTURA | martedì 18 giugno 2019 05:42

AGRICOLTURA | 29 aprile 2019, 17:11

Balicco confermato alla presidenza del Confidi agricoltori

Confermata anche alla vice-Presidenza Raffaella Quendoz di Gressan. Gli altri amministratori eletti dall’Assemblea, per il prossimo quinquennio sono Dalbard Remo di Pollein, De Zordo Adele di Verrès, Denarier Marino di Avise, Diemoz Italo di La Salle, Dondeynaz Marcello di Verrès, Lanièce Angelo di Champdepraz, Mossoni Ezio di Aosta, Perraillon Yves di Chambave. Faranno, inoltre, parte del Consiglio Direttivo Nicoletta Alessio di Fenis e Vacquin Savino di Brusson, su designazione di Coldiretti Aosta, e Pascal Daniele su designazione della Amministrazione Regionale

Il Direttivop del Confidi agricoltori

Il Direttivop del Confidi agricoltori

“Da una parte la soddisfazione per il riconoscimento del lavoro sinora fatto, dall’altra le preoccupazioni per poter sostenere adeguatamente il mondo agricolo in un momento tanto difficile”. Giuseppe Balicco, commneta così la sua conferma alla Presidenza del Confidi agricoltori che rapprsenta uno strumento indispensabile per l'accesso al credito.

Balicco ha poi sottolineato alcune preoccupazioni rispetto al dibattito locale e nazionale "incentrato esclusivamente sulla creazione di grandi soggetti vigilati dalla Banca d’Italia, frutto di fusioni resesi necessarie a seguito dell’innalzamento dei parametri richiesti".

La preoccupazione è data dal fatto che dal dibattito in atto emrege la volontà di "escludere le realtà più piccole come la nostra che, grazie ad una buona patrimonializzazione e una gestione snella - ha precisato Balicco - sono, invece,  ancora fondamentali per molte piccole aziende agricole.

Il Confidi Agricoltori è nato nel 1981 su iniziativa di Coldiretti Valle d’Aosta al fine di fornire intermediazione bancaria e consulenza finanziaria alle aziende agricole della Regione. Oggi conta circa 260  soci  ed eroga garanzie per circa 9,5 milioni  di Euro.

Il settore zootecnico, come da previsione, costituisce il settore di attività con il maggior peso delle garanzie in essere con ben il 79% del totale. Una buona crescita si è registrata per le produzioni ortofrutticole e la coltivazione della piante officinali (8%) oltre ad un  aumento nel settore vitivinicolo (6%), tra i fiori all’occhiello della realtà valdostana.

Gli affidamenti a breve erogati nell’ultimo anno  sono stati pari a circa € 2,9 milioni mentre i finanziamenti (a medio e lungo termine) sono risultati pari a circa € 2,1 milioni per un importo complessivo di affidamenti in essere pari a circa € 17,8 milioni. Le garanzie in essere ammontano complessivamente a circa € 9,5 milioni a fronte di un patrimonio netto del Consorzio di oltre € 3,7 milioni.

Gli Istituti convenzionati sono BCCV, Intesa Sanpaolo, Banca Popolare di Sondrio, e Finaosta. Gli utenti possono trovare, presso il Confidi, diverse agevolazioni; naturalmente la partecipazione alle garanzie, ma anche costi di istruttoria estremamente accessibili, riduzione delle procedure burocratiche e un iter procedurale molto rapido al fine di poter erogare finanziamenti, aperture di credito e  anticipazioni sui premi comunitari spettanti alle imprese agricole nel minor tempo possibile.

In questo scenario va rimarcato come anche nel 2018, in maniera ormai sistematica e cronica, gli agricoltori abbiano dovuto affrontare il problema dei contributi AGEA - un sistema che da anni non riesce a dare garanzie sugli importi dei contributi e sui tempi di erogazione degli stessi. Proprio per far fronte a questa criticità il Confidi Agricoltori  ha continuato ad offrire il suo prodotto specifico – anticipazioni PSR e PAC - con garanzia all’80% ed abbattimento dei costi commissionali (0,25% al posto del 0,60%): un prodotto che nel corso del 2018 ha visto l’erogazione di finanziamenti per quasi € 1,4 milioni. 

red. eco.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore