Aosta Capitale | venerdì 23 agosto 2019 09:48

Aosta Capitale | 17 aprile 2019, 18:31

Aosta: Sindaco Centoz, 'Io non sgombero il palazzo del Cral Cogne in corso Battaglione'

Aosta: Sindaco Centoz, 'Io non sgombero il palazzo del Cral Cogne in corso Battaglione'

"Non ci sono i presupposti giuridici per emanare un’ordinanza di sgombero urgente”. E' questo in sintesi il contenuto della lettera, spedita questa mattina dall'Hotel de Ville, con la quale il sindaco di Aosta, Fulvio Centoz, ha informato la Regione che non emetterà ordinanza di sgombero dello storico 'palazzone' in corso Battaglione ad Aosta, che ospita la sede del centro ludico e culturale Ccs Cral Cogne.

La questione è stata sollevata oggi in Consiglio comunale dalle interrogazioni di Lorenzo Aiello (misto di minoranza), Etienne Andrione (Lega Vda) e da una mozione di Carola Carpinello (Altra VdA): tutti chiedevano al sindaco se e come volesse ottemperare al sollecito di sgombero inoltrato dalla Regione.

"Sono fermamente  contrario all'uso dello strumento delle ordinanze per risolvere i problemi di cattiva amministrazione di altri" ha detto Centoz.

"Non entro nel merito delle perizie, non sono un tecnico e neppure mi compete - spiega il sindaco di Aosta - però questa situazione sta diventando insopportabile. Sin dal 2016 la Regione ha in mano una perizia che solleva dubbi sulla sicurezza dell’edificio che ospita il Ccs Cogne e almeno fino all’autunno del 2018 non fa nulla". Si chiede Centoz: "Sono state poste in essere, in quel periodo, opere di manutenzione straordinaria sull’edificio in commento? Perché, visto che si tratta di sfondellamento del solaio non si è proceduto pezzo per pezzo, locale per locale, a mettere in sicurezza l’edificio ma si vuole a tutti i costi liberare tutto l’immobile? È stata avviata una procedura di sfratto al fine di liberare i locali sin dal 2016? Che tipo di rapporto esiste tra la Regione e i locatari del Ccs? Se si fossero adottate queste procedure (normali ed ordinarie, si direbbe da buon padre di famiglia) oggi non saremmo qui a parlare di crollo del Palazzo Cogne. Invece - perlomeno a quanto risulta al sottoscritto - non è stato fatto nulla e si scarica sul sindaco del capoluogo la responsabilità di emettere una ordinanza di sgombero senza neppure aver il tempo di leggersi le carte".

"Qui nessuno perde tempo ma una eventuale ordinanza contingibile ed urgente va emessa come 'extrema ratio' - sottolinea il primo cittadino di Aosta - e a seguito di una procedura interna visto che va ampiamente motivata. Va da se che eventuali responsabilità non possono essere scaricate sul sindaco, come se fosse l’unico e il solo responsabile di questa storia assurda. Dove peraltro la difesa di ciò che rappresenta il Ccs Cogne per Aosta sembra non interessare a nessuno".

p.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore