POLITICA | giovedì 20 giugno 2019 16:05

POLITICA | 12 aprile 2019, 21:18

Nasce il 'Front Valdotain' di Emily Rini per ricompattare il centrodestra valdostano

da sn Moreno Rossin, Emily Rini e Marco Busanelli

da sn Moreno Rossin, Emily Rini e Marco Busanelli

"Non rinneghiamo certamente il nostro passato e ne parliamo anche con grande rispetto e senso di autocritica costruttiva. Ma ci piace molto di più parlare e confrontarci sul nostro futuro, che potrà essere davvero migliore di questo presente". Ha chiuso così il suo intervento Emily Rini, esponente del Gruppo Misto nel Consiglio Valle da lei stessa presieduto, presentando oggi nella saletta convegni dell'Hostellerie du Cheval Blanc ad Aosta il 'Front Valdotain', nuovo movimento politico che si candida quale punto di riferimento dell'area del centrodestra moderato valdostano e a cui il presidente della Liguria Giovanni Toti, intervenuto in sala con un videomessaggio registrato, guarda come un'opportunità di rilancio dell'area politica liberale e antisovranista.

Ex esponente importante dell'Union valdotaine da cui si è allontanata definitivamente pochi mesi fa dopo una serie di scontri e divergenze ideologiche, Rini ha ricordato alla platea di sostenitori che il 'Front Valdotain "sta nell'area moderata del centro destra laborioso, produttivo, pragmatico, che si riconosce nei valori cattolici e liberali" ma che come lei è "profondamente regionalista". Il Front nelle intenzioni di Rini vuole abbracciare certamente Forza Italia, che non ha una rappresentanza in Consiglio regionale, e i delusi dalla destra estremista e populista.

"Credo che molte cose ci uniscano sia come territorio che come azione politica", ha sottolineato il governatore ligure Toti nel suo videomessaggio. "La nascita di questo movimento - ha aggiunto - non può che essere salutata positivamente da tutti noi, soprattutto da coloro che militano nel centro destra con varie sfumature e con varie sensibilità".

Quanto al nome 'Front', che ricorda effettivamente movimenti di destra europei, Emily Rini ha insistito sul fatto che "è quello che meglio identifica il senso di 'fronte comune' alla base del nostro progetto politico. Non solo un fronte fisico ma un baluardo ideologico a difesa e promozione dei nostri più profondi ideali".

L'attuale Comitato promotore del Front Valdôtain è composto anche da Davy Gerard, 26enne di Cogne; Margaretha Milliery, assessore comunale di Nus; Ennio Pedrini, assessore comunale a Pont-Saint-Martin ed editore; Moreno Rossin, presidente regionale dell’Associazione italiana sommelier-Ais e Marco Busanelli, imprenditore di Courmayeur. "In estate terremo la nostra assemblea costitutiva - ha spiegato Rini - e in quella sede saranno nominati gli organismi direttivi. Vogliamo crescere e aiutare la Valle d'Aosta a uscire da un momento per molti aspetti difficile. Insieme possiamo farcela, possiamo andare molto lontano". Tutto questo, però, "non senza aver prima cambiato questa superata e nefasta legge elettorale".

 

p.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore