CULTURA | giovedì 20 giugno 2019 15:59

CULTURA | 29 marzo 2019, 09:17

Ricco e diversificato il programma delle mostre d'arte in Valle

La presentazione delle mostre estive al Saint-Benin: da sin Davide Dall’Ombra, assessore Laurent Vierin , Daria Jorioz, Viviana Vallet

La presentazione delle mostre estive al Saint-Benin: da sin Davide Dall’Ombra, assessore Laurent Vierin , Daria Jorioz, Viviana Vallet

Tante e importanti, le mostre in programma nella stagione primavera-estate 2019 che dovranno richiamare il turismo culturale in Valle. Il ricco cartellone è stato presentato al Centro Saint-Benin di Aosta da Davide Dall’Ombra, curatore delle esposizioni al castello Gamba, dall'assessore regionale al Turismo, Laurent Vierin e dalle curatrici Daria Jorioz e Viviana Vallet.

Al Museo Archeologico Regionale di Aosta, dal 13 aprile al 22 settembre 2019 è proposta al pubblico l’esposizione Lucio Fontana. La sua ombra lunga, quelle tracce non cancellate, a cura di Giovanni Granzotto e Leonardo Conti.

Partendo da una selezione di importanti opere di Lucio Fontana (1899-1968), viene sottolineata, all’interno del percorso espositivo, la profonda influenza che il maestro ha esercitato su generazioni di artisti italiani. Tra gli artisti in mostra si segnalano Piero Manzoni, Agostino Bonalumi, Enrico Castellani, Alberto Biasi, Gianni Colombo, Mario Deluigi, Tancredi Parmiggiani, Gino Morandis, Roberto Crippa, Gianni Dova, Giuseppe Santomaso, Ettore Spalletti, Nunzio, Ben Ormenese, Sandro Martini e altri. La mostra è corredata da un catalogo bilingue italiano-francese di oltre 200 pagine contenente i testi critici di Giovanni Granzotto, Leonardo Conti, Daria Jorioz, Stefano Cecchetto, Dino Marangon e Mattia Pivato, edito da De Bastiani Editore, in vendita al prezzo di 30 euro.

L’inaugurazione della rassegna è prevista per venerdì 12 aprile 2019 alle ore 18,00. L’orario di apertura della sede espositiva è 9 - 19 tutti i giorni. Il costo del biglietto intero è di 6 euro, ridotto 4 euro. Ingresso gratuito per i minori di 18 anni. Abbonamento con la mostra Animals. Steve McCurry in corso al Centro Saint-Bénin di Aosta dal 4 maggio al 6 ottobre 2019: 10 euro intero, 6 euro ridotto.

A Palazzo Thun a Trento sarà inaugurata martedì 23 aprile la mostra Stele di Donato Savin. Allestita in occasione del Trento Film Festival, nell’ottica della valorizzazione della cultura alpina e della promozione dell’opera innovativa dell’artista, l’esposizione, curata da Aldo Audisio e Daria Jorioz, si rivolge all’ampio pubblico internazionale che partecipa ogni anno alla rassegna cinematografica, giunta oggi alla 67ª edizione.

All’Hôtel des Etats di Aosta sarà inaugurata mercoledì 24 aprile 2019 la mostra Montagnes résistantes. Vallée d’Aoste et Haute Savoie: l’exposition est consacrée à la Résistance en Vallée d’Aoste et en Haute-Savoie et présente une vision contemporaine où les images d’autrefois rencontrent les lieux d’aujourd’hui. Présentée par le duo photo-poétique CATLAC, composé du photographe et peintre Thibault Nieudan et de la poétesse Fabienne d’Oddaz, l’exposition a été proposée par l’Institut d’histoire de la Résistance et de la Société contemporaine en Vallée d’Aoste, avec le soutien du « Comité pour la célébration du 70ème anniversaire de la Résistance, de la Libération et de l’Autonomie de la Vallée d’Aoste ».

Con ingresso gratuito, la mostra è aperta fino al 2 giugno 2019 con il seguente orario: da martedì a domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18, chiuso il lunedì.

Al Centro Saint-Bénin di Aosta fino al 6 ottobre 2019 sarà visitabile l’esposizione dal titolo Animals di Steve McCurry. La mostra del grande fotografo americano McCurry, a cura di Biba Giacchetti, in corso al MUDEC Photo di Milano fino a marzo 2019, sarà presentata come seconda data al Centro Saint-Bénin di Aosta. Gli animali sono i protagonisti di 60 scatti iconici, che raccontano le mille storie di vita quotidiana che legano gli animali all’uomo. Un affresco corale che sottolinea la ricchezza e la complessità del rapporto tra gli esseri umani e le altre creature viventi che popolano il nostro Pianeta.

L’inaugurazione è prevista per venerdì 3 maggio 2019, alle ore 18,00 e rimarrà aperta dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18. Chiuso il lunedì. Il costo del biglietto è di 6 euro intero, 4 euro ridotto; entrata gratuita per i minori di 18 anni.

Abbonamento con Lucio Fontana. La sua ombra lunga, quelle tracce non cancellate in corso al Museo Archeologico Regionale di Aosta dal 13 aprile al 22 settembre 2019: 10 euro intero, 6 euro ridotto.

Alla Chiesa di San Lorenzo di Aosta sarà aperta fino a domenica 29 settembre 2019  la mostra La montagna fotografata, la montagna scolpita. Roberto Andrighetto e Guido Diémoz. La rassegna mette a confronto le opere di un fotografo e di uno scultore, che dialogano all’interno del suggestivo spazio espositivo aostano ed è curata da Daria Jorioz.  Vengono proposte le fotografie naturalistiche di Andrighetto accostate a sculture in legno di noce di Diémoz, efficaci interpretazioni plastiche della tradizione locale.

La mostra, con ingresso gratuito, sarà inaugurata il 24 maggio 2019, alle ore 18, e aperta con il seguente orario: da martedì a domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18, chiuso il lunedì.

All’Hôtel des Etats di Aosta si inaugurerà venerdì 14 giugno 2019, alle ore 18, Elogio della pittura. Roberto Oggiani e Gianni Pedotti. L’esposizione, a cura di Daria Jorioz, presenta una selezione di dipinti dei due autori, che hanno saputo interpretare e attualizzare, con una cifra espressiva personale ed efficace, l’eredità dei movimenti artistici del Novecento, dall’Espressionismo all’Informale. Roberto Oggiani, architetto di professione, dipinge a tecnica mista su tele di medie e grandi dimensioni, che ci offrono una visione sospesa tra realtà e sogno, di forte impatto visivo. La realtà del mondo che ci circonda è la sua fonte di ispirazione, dalle tradizioni della Valle d’Aosta ai riferimenti ai maestri dell’architettura e del design. Gianni Pedotti, medico ginecologo, presenta una pittura fortemente materica e caratterizzata dall’utilizzo di terre naturali, che rivela affinità con l’espressionismo astratto di Hans Hofmann e le opere di Mark Rothko.

La mostra, con ingresso gratuito, è aperta fino al 15 settembre 2019 con il seguente orario: da martedì a domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18, chiuso il lunedì.

 

val. pra.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore