ECONOMIA | giovedì 20 giugno 2019 16:00

ECONOMIA | 22 marzo 2019, 11:00

Ricercatori valdostani nel team che studia le potenzialità delle banche locali

Una filiale della Bccv

Una filiale della Bccv

“Le banche di territorio possono assicurare criteri di efficienza che trasferiscono valore alle comunità di riferimento, a patto che migliorino la qualità del credito e puntino a forme di innovazione glocal (globale/locale)”.

Queste in sintesi sono le conclusioni di un importante progetto di ricerca dal titolo 'rigorosamente' in inglese (la lingua universale dell'economia e del commercio ndr) 'Cooperative Banks Performance and the Issue of Non-Performing Loans. New Empirical  Evidence from Italian Regional Data', condotto da un pool di esperti piemontesi e valdostani di estrazione accademica, coordinati dal saviglianese Filippo Monge, docente di Economia Applicata all’Università di Torino. Il team è composto, oltre che da Monge, anche da Daniele Cattaneo, ricercatore all'Università della Valle d’Aosta, Clementina Bruno (Università del Piemonte Orientale), Alessandro Manello del CNR; il pool ha lavorato per circa due anni esplorando, attraverso banche-dati e set di interviste, l’universo del credito locale.

I risultati sono stati pubblicati in questi giorni, in inglese, sulla celebre rivista internazionale L’Industria, una delle più antiche (1886) pubblicazioni italiane di economia. Il progetto rientra in un più ampio percorso iniziato nel 2015 sui temi del credito nel settore edile, con risultati pubblicati su Bancaria, rivista ufficiale dell’ABI e ripresi, poi, in parte da Bloomberg.

val. pra.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore