Consiglio Valle | venerdì 26 aprile 2019 14:43

Consiglio Valle | 22 marzo 2019, 09:30

In appalto 5G le frequenza di Bionaz Cogne e Perloz, preoccupazione elettrosmog

Il contrasto ai pericoli da elettrosmog a favore della salute è stato al centro di un'interpellanza del gruppo Ambiente Diritti Uguaglianza VdA trattata nella seduta consiliare del 20 marzo 2019

In appalto 5G le frequenza di Bionaz Cogne e Perloz, preoccupazione elettrosmog

I pericoli per la salute rappresentati dall'elettromagnetismo in particolare del 5G, già evidenziati dal Consiglio d'Europa e denunciati con forza da 160 scienziati e medici di 36 Paesi, per questo la Consigliera regionale di Adu, Daria Pulz, ha chiesto informazioni «in merito all'inserimento nella tabella del Ministero per lo sviluppo economico tra gli aggiudicatari dei lotti di frequenza dei Comuni di Bionaz, Cogne e Perloz pare a loro insaputa.

Mi chiedo anche quali azioni il Governo regionale intenda mettere in campo per contrastare i pericoli da elettrosmog a favore della salute della popolazione valdostana.

L'Assessore all'ambiente, risorse naturali e Corpo forestale, Albert Chatrian, ha risposto che la questione è molto delicata e non va sottovalutata. L'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha concluso l'asta per l'assegnazione delle bande disponibili per l'implementazione della tecnologia 5G, evidenziando che il Ministero per lo sviluppo economico (MISE) ha individuato nel territorio italiano 120 Comuni, tra cui Bionaz, Perloz e Cogne, nei quali l'aggiudicatario del bando è tenuto a raggiungere almeno il 90 per cento della popolazione. La Regione non è stata coinvolta in questa scelta. Riguardo alle azioni per contrastare i pericoli da elettrosmog, l'Assessore Chatrian ha affermato che "la Regione, in collaborazione con l'ARPA, mantiene un costante controllo dei livelli delle radiazioni elettromagnetiche generate dalle diverse fonti (elettrodotti, impianti radio, televisivi, trasmissioni dati) potenzialmente dannose per la salute umana. La nostra legge regionale (n. 25 del 2005) che disciplina l'installazione, la localizzazione e l'esercizio di stazioni radioelettriche e di strutture di radiotelecomunicazioni prevede, all'interno del procedimento autorizzativo, l'espressione del parere preventivo da parte dell'ARPA sul rispetto dei limiti".

La Consigliera di ADU-VdA Daria Pulz ha insistito evidenziando che non si deve cercare e trovare il punto di equilibrio tra le nuove tecnologie che ci espongono a danni per la salute umana. A tal proposito ha precisatO: "Non siamo contro il progresso, ma siamo per il principio di precauzione: finché non vi saranno certezze maggiori su questa nuova tecnologia, le cui conseguenze sulla salute sono allo studio del mondo scientifico, noi siamo per una Valle d'Aosta 5G free, almeno finché non vi saranno chiare evidenze scientifiche. Non possiamo affrontare questa questione in solitudine, che rischia di affogare la salute di tutti, ma dobbiamo prendere contatti con il Governo italiano per studiare normative che garantiscano la salute pubblica. La tecnologia 5G è ancora priva di sperimentazione".

red. pol.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore