AMBIENTE | venerdì 26 aprile 2019 14:37

AMBIENTE | 20 marzo 2019, 08:13

Verso una nuova disciplina per la gestione delle acque

Verso una nuova disciplina per la gestione delle acque

Dovrà disciplinare l'attività delle società partecipate di settore e limitare gli sprechi di un bene prezioso traendone anzi il massimo vantaggio economico, lo schema di norma di attuazione dello Statuto speciale in materia di utilizzo delle acque a scopo idroelettrico previsto da una mozione approvata ieri all'unanimità dal Consiglio Valle.

Il testo, depositato dai gruppi RC-AC, Mouv', M5S e Lega VdA, e emendato in Aula su proposta dei consiglieri Chiara Minelli (RC-AC), Roberto Luboz (Lega VdA), Luigi Vesan (M5S) e Elso Gerandin (Mouv') e concordato con il presidente della Commissione speciale CVA, Alessandro Nogara (UVP), impegna la Giunta regionale a seguire con particolare attenzione l'iter lavori della Commissione paritetica in merito alla norma attuazione relativa alla disciplina normativa in materia di grandi derivazioni idroelettriche e di disciplina di società partecipate operanti nel settore, oltre che a riferire alle competenti Commissioni consiliari entro 40 giorni.

Il provvedimento è stato illustrato da Minelli e da Roberto Luboz (Lega VdA), che hanno evidenziato come l'iniziativa intenda far esprimere al Consiglio Valle l'opportunità e l'urgenza che siano avviati i lavori di costruzione di questa norma "che avrebbe una forte valenza autonomista e che, tra l'altro, metterebbe la Commissione speciale Cva in condizione di poter disporre di un ventaglio più ampio di scenari per valutare il futuro della società".

red. pol.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore