Governo Valdostano | lunedì 16 settembre 2019 04:55

Governo Valdostano | 20 marzo 2019, 18:32

Approvata variazione bilancio Regione da 33 mln per sviluppo, investimenti, agricoltura e ambiente

Approvata variazione bilancio Regione da 33 mln per sviluppo, investimenti, agricoltura e ambiente

Una 'manovrina' per l'impiego di risorse finanziarie rregionali di qui ai prossimi tre anni. La Giunta regionale ha infatti approvato il disegno di legge per la variazione al bilancio di previsione finanziario della Valle d'Aosta per il triennio 2019-2021; il valore della manovra è di 32,9 milioni di euro per il 2019, di 13,5 milioni per il 2020 e di 23,5 milioni per il 2021.

Le risorse saranno destinate quasi interamente per finanziare spese di investimento nell'ambito della cosiddetta 'contabilità armonizzata' (ovvero un sistema contabile identico per tutti gli enti locali della Valle ndr).

In particolare, per il 2019 sono stati stanziati 26,3 milioni per spese in conto capitale, 3,1 milioni per spese volte a incrementare attività finanziarie a valere sui Fondi di rotazione per imprese artigiane e industriali e attività professionali, mentre 3,5 milioni saranno impegnati per spese correnti. Per gli anni 2020 e 2021 tutte le risorse disponibili sono state destinate a spese di investimento.

In particolare il Governo regionale ha deciso, come misura per sostenere l’occupazione, di alleggerire il peso dell’imposizione tributaria a tutti i contribuenti soggetti ad aliquota ordinaria. E’ quindi stata prevista, già per l’anno 2019, una riduzione dell’aliquota IRAP a tutti i soggetti passivi con esclusione delle categorie già differenziate dalla normativa nazionale e destinatarie di aliquote dedicate, oltre all’esenzione totale dall’Irap per gli enti cooperativi a mutualità prevalente.

Il settore produttivo è inoltre sostenuto con un incremento delle risorse destinate agli interventi previsti dalla legge n. 6/2003 a sostegno e a favore dello sviluppo delle imprese industriali, artigiane e delle libere professioni.

el settore degli infrastrutture sportive vengono incrementate le risorse a sostegno degli investimenti per lo sviluppo e la riqualificazione degli impianti a fune per un importo complessivo nel triennio di 8 milioni di cui 7 per interventi da effettuarsi nel 2019. 

Al sostegno del settore agricolo, ambientale e cantieristica forestale sono destinati circa 5,5 milioni che in parte permetteranno ulteriori interventi a favore della manutenzione e cura del territorio e l’aumento delle giornate di attività dei cantieri forestali nel 2019. Tra gli interventi normativi in favore delle piccole e medie imprese operanti sul territorio regionale di fondo valle nel settore dell’allevamento bovino, viene introdotta una nuova tipologia di aiuto per la monticazione del bestiame negli alpeggi di proprietà o condotti da terzi, al fine di conservare la tradizionale pratica della transumanza, garantendo la tutela e il miglioramento dell’ambiente naturale e il benessere degli animali.

Sempre nel settore agricolo è stata inserita una modifica della legge regionale 20/2010, che regolamenta la materia del riordino fondiario, al fine di rimuovere alcune difficoltà applicative e semplificare il procedimento amministrativo, stante l’estrema parcellizzazione del territorio e la numerosità di soggetti coinvolti anche in presenza di quote di proprietà minime.

All’edilizia scolastica sono destinati ulteriori 1,1 milioni di cui 268.000 euro sono destinati al finanziamento del progetto di fattibilità tecnica ed economica dell’intervento di riconversione a convitto per studenti dell’Ex priorato e Collegio Saint-Bénin.

Nel settore sanità la variazione prevede, per la parte corrente, un incremento di 450 mila euro, per l’anno 2019, la quota di finanziamento dei livelli essenziali di assistenza e un incremento di 3 milioni per l’anno 2019 e di euro 3 milioni 300 mila euro per l’anno 2020, da destinare agli investimenti.

Inoltre il disegno di legge  variazione assicura la copertura finanziaria alla realizzazione del presidio unico ospedaliero regionale per acuti in Aosta e le infrastrutture ad esso collegate, realizzate per il tramite della Coup srl, destinando la parte più consistente delle risorse assegnate a titolo di trasferimento aggiuntivo dallo Stato a decorrere dal 2020.

Vengono definiti i rapporti finanziari concernenti la mobilità sanitaria passiva per gli anni 1997/2010, recependo di fatto l’accordo con la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, che ha previsto il pagamento delle somme concordate attraverso un piano di rateizzazione quindicinale senza interessi aggiuntivi.

Per favorire lo sviluppo della cultura, promuovere la conoscenza del patrimonio culturale e assicurare le migliori condizioni di utilizzazione e fruizione pubblica, anche attraverso l’utilizzo di un’unica carta di libero accesso valida per i musei e i beni convenzionati, autorizza, a decorrere dal 2019, è stato definito il finanziamento dell’attività dell’Associazione Abbonamento Musei.it, riconoscendone le finalità di interesse pubblico.

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore