ECONOMIA | sabato 25 maggio 2019 19:46

ECONOMIA | 01 marzo 2019, 12:19

Partire dai traguardi e non dai vincoli

ll prof. Orlando Formica, 7° da sinistra a Roma nella pausa lavori

ll prof. Orlando Formica, 7° da sinistra a Roma nella pausa lavori

La “Costituente del Contribuente” continua, a ritmo serrato, il percorso a Roma presso il Ministero dell’ Economia e delle Finanze con la presenza di rappresentanze economico-sociali e dell’Amministrazione Finanziaria. La seduta di mercoledì 27 febbraio u.s. ha affrontato il tema: ”Partire dai traguardi e non dai vincoli”.

Significativa l’adesione dei Presidenti della Corte dei Conti e della Cassa Depositi e Prestiti, una struttura quest’ultima impegnata a dare “ossigeno ”alle medie e piccole imprese. Il prof. Orlando Formica promotore del progetto e nostro Garante, ha svolto la relazione introduttiva esordendo: “dobbiamo raccogliere la sfida del XXI° secolo, ha preso forma un mondo multipolare, un rivoluzionario assetto geo economico-politico, il 65% dei bambini di oggi svolgerà una professione che non esiste, il  sistema Italia deve giocare le sue carte per dare vitalità alle categorie che sono impegnate a stare nel mercato allargato consapevoli che la crescita passa attraverso risorse finanziarie, semplificazione nell’iter degli investimenti, delle procedure amministrative.

 I traguardi si misurano con il cambiamento climatico, la necessità di sicurezza informatica, la nostra economia deve avere la capacità di interagire con macchine intelligenti, analisi dei dati e nel penetrare nei mercati esteri essere smart (digitali); green (rispettose dell’ambiente); con lo sguardo all’economia circolare, proponendo alle nuove generazioni talento ed orgoglio. E’ necessaria una svolta negli investimenti pubblici in infrastrutture, sbloccare le risorse già finanziate (140 miliardi). Sono state censite 600 opere bloccate per 360 miliardi (da nord a sud) per infrastrutture stradali, ferroviarie, portuali che dovrebbero rappresentare l’ossatura dello sviluppo e non un degrado ambientale e dissesto geologico che va ad impattare iniziative e traguardi”. 

Formica prosegue: “dal 2007 al 2017 c’è stato un blocco degli investimenti in costruzioni, si sono ridotte del 36% e con un impatto sull’economia dello 0,4% del PIL, quindi 5 punti in un decennio. Ecco una delle concause per cui, oggi, il PIL cala in Italia al di la degli effetti trascinanti della crisi internazionale. Nel periodo sono state chiuse 120 mila imprese con la perdita di 600 mila posti di lavoro e conseguenti effetti dirompenti sull’indotto e la manutenzione. In atto sono disponibili 20 miliardi da spendere tra bilancio dello Stato e risorse della Cassa Depositi e Prestiti. In positivo c’è da segnalare la recente nascita della “Centrale di progettazione”, una cabina di regia sull’edilizia pubblica volta a sbloccare i lavori pubblici. La Legge di Stabilità 2019 prevede la costituzione di INVESTITALIA una struttura dedicata al coordinamento degli investimenti pubblici che parte dalla manutenzione e concerne l’alta velocità di alcune tratte ferroviarie, i ponti sul Po ed al sud la statale Jonica 106”.

Formica conclude: ”il sistema Italia deve avere una strategia di export in grado di affrontare la evoluzioni creando valore, sviluppo ed occupazione. Abbiamo in campo delle eccellenze: i marchi italiani valgono 1500 miliardi di dollari e l’Italia è al nono posto della classifica mondiale, un vero capitale spendibile da parte delle nostre industrie. Il contesto geo-politico sta modificando l’economia mondiale, la crescita sta rallentando, avanza un neo-protezionismo nel mentre si afferma la ”Web revolution”. Necessita un cambio di cultura di impresa, allargare i mercati di sbocco facendo nascere una nuova generazione di export manager. Non dobbiamo farci vincere o sconfiggere dai vincoli burocratici, dalla pressione tributaria pesante, occorre mettere in campo iniziative, incamminarsi per le vie del mondo guardando ai traguardi oltre il nostro naso”.

L’Ufficio del Garante del Contribuente VdA

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore