Consiglio Valle | sabato 25 maggio 2019 07:42

Consiglio Valle | 20 febbraio 2019, 22:15

Valdostani ostaggio di pifferai stonati

Valdostani ostaggio di pifferai stonati

Certo il titolo non è originale ma ben rappresenta chi c’è al capezzale della Valle d’Aosta morente. L’ensemble di pifferai stonati ha tenuto un mega concerto in occasione dell’approvazione della nuova legge elettorale regionale che ha introdotto il limite dei mandati; ha previsto la preferenza unica; lo spoglio centralizzato. E nessuno si è accorto di aver sbagliato spartito. La banda pifferai, infatti, ha utilizzato lo spartito della Regione Veneto che nel 2015 ha introdotto il limite dei mandati, invece di utilizzare quello del 2018 con il quale, sempre la Regione Veneto, lo ho abrogato. Lo ha abrogato anche perché in Italia solo il Veneto e il Friuli avevano la limitazione che funzionava sostanzialmente come una discriminazione.

I nostri pifferai, lo hanno introdotto e così la Valle d’Aosta ha un nuovo primato del piffero. Una cosa è che un partito o una persona faccia un scelta in tal senso; altra cosa è che sia una legge ad impedire a qualcuno di ricandidarsi. Soprattutto in Valle dove i cervelli non sono poi così numerosi.

L’introduzione della preferenza unica è un insulto agli elettori il cui unico risultato è che siano poche le donne che vengono elette. Lo spoglio centralizzato già di suo evitava il controllo del voto. Introdurre la preferenza unica per moralizzare il voto significa considerare i Valdostani analfabeti, illetterati, zotici ed incolti. E per la verità vista la banda di pifferai che suonano in piazza Deffeyes si potrebbe pensare che le scelte fatte non sono delle migliori.

La nuova legge elettorale non è altro che un raffazzonamento di una situazione politica generata da arroganza e incapacità. La nuova elegge elettorale non è altro che la foglia di fico utile a nascondere la mancanza di coraggio della politica di rinnovarsi. Perché nessuno ha proposto l’elezione diretta del Presidente della Giunta? Per non dare la possibilità ai valdostani di scegliere da chi essere governati. I pifferai suonano la musica che piace alle loro orecchie. La musica stonata.

piero.minuzzo@gmail.com

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore