CRONACA | lunedì 26 agosto 2019 03:25

CRONACA | 14 febbraio 2019, 08:31

Condannato a 30 mesi di carcere per le violenze a moglie e figlia

Condannato a 30 mesi di carcere per le violenze a moglie e figlia

Imputato per maltrattamenti in famiglia, un pensionato valdostano di 67 anni residente in alta Valle è stato condannato a due anni e sei mesi di reclusione dai giudici del Tribunale di Aosta.

A seguito delle diverse testimonianze rese durante il processo a porte chiuse, è stata invece ritenuta prescritta dalla stessa procura l'imputazione di violenza sessuale ai danni della moglie e della figlia, all'epoca dei fatti minorenne. Il pm Carlo Introvigne aveva chiesto una condanna a quattro anni. L'imputato, difeso dagli avvocati Valeria Fadda e Giuseppina Mauri, dovrà inoltre risarcire con 10 mila euro ciascuno le parti civili (avvocato Federico Fornoni).

Le indagini erano iniziate a seguito di una segnalazione degli enti pubblici per la tutela della famiglia. L'uomo era finito in carcere nell'agosto 2018 su ordinanza del gip e a dicembre gli erano stati concessi i domiciliari. Secondo l'accusa, le violenze si verificavano "in maniera reiterata e continuata".

Il collegio giudicante era composto dai togati Eugenio Gramola, Marco Tornatore e Maurizio D'Abrusco.

red. cro.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore