Dai comuni | mercoledì 21 agosto 2019 21:18

Dai comuni | 06 febbraio 2019, 18:04

Donnas: Attraversamenti pericolosi strada statale e lavori malfatti

Donnas: Attraversamenti pericolosi strada statale e lavori malfatti

Da qualche anno gli incidenti stradali sono in costante aumento e sono sempre più i pedoni coinvolti; al fenomeno non sfugge Donnas, dove i consiglieri di opposizione del gruppo Partecipazione e Libertà, hanno portato la problematica all'esame del Consiglio comunale.

"In questi anni - spiegano nel loro organo di informazione La voués dé Dounah i consiglieri di minoranza - ci siamo battuti affinché Donnas fosse sempre più accessibile e sicura per gli utenti più vulnerabili, insistendo ad esempio per l'abbattimento delle barriere architettoniche e chiedendo maggiore sicurezza lungo la SS26 che attraversa Donnas. Oggi, purtroppo, ci tocca constatare l’ennesimo caso di lavori fatti male che mettono a rischio questa particolare utenza e non solo".

Per i consiglieri di opposizione gli attraversamenti pedonali devono essere ben segnalati, ben visibili e utilizzabili da tutti. A tal proposito ricordano che il Codice della Strada prescrive che: "gli attraversamenti pedonali devono essere sempre accessibili anche alle persone non deambulanti su sedie a ruote; a tutela dei non vedenti possono essere collocati segnali a pavimento o altri segnali di pericolo in prossimità degli attraversamenti stessi". E ricordano che: "ogni qualvolta il percorso pedonale si raccorda con il livello stradale, o è interrotto da un passo carrabile, devono predisporsi rampe di pendenza contenuta e raccordate in maniera continua col piano carrabile, che consentano il passaggio di una sedia a ruote".

Ciò nonostante, sottolineano i consiglieri, alcune delle strisce pedonali, rifatte ancora di recente, finiscono contro il cordolo del marciapiede, con uno scalino. Non consentono quindi a sedie a rotelle, ma anche ad esempio ai passeggini, di scendere o salire sul marciapiede.

Annalisa Fantolin, Fabio Marra, Lea Costabloz e Paola Dalle evidenziano ancora che un altro problema riguarda le apparecchiature di illuminazione recentemente installate lungo la SS26 per illuminare l’attraversamento pedonale.

"Inspiegabilmente, può darsi per risparmiare - dicono sarcasticamente -  sono state messe in corrispondenza dell’attraversamento, ma solo su un lato della carreggiata e quindi non paiono regolari". Infatti è richiesta una regolare illuminazione dei passaggi pedonali ed il conducente deve poter vedere bene il pedone, sul marciapiede, che si accinge ad attraversare la strada, l'impianto, oltre a illuminare l’intera sezione di attraversamento identificata dalle zebre della segnaletica orizzontale, deve illuminare anche una ulteriore fascia di 1,00 m che si estende anche sul marciapiede destro e sinistro. (come nella foto)

red. el.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore