Aosta Capitale | sabato 23 febbraio 2019 04:43

Aosta Capitale | 01 febbraio 2019, 11:19

Aosta: Inquilini grattacieli 'pronti a tornare a sorridere quando saremo nei nuovi alloggi'

Nell'immagine di repertorio, la protesta degli assegnatari dei nuovi alloggi lo scorso dicembre

Nell'immagine di repertorio, la protesta degli assegnatari dei nuovi alloggi lo scorso dicembre

"Il sindaco Centoz chiede sorrisi? Bene, sorrideremo quando i nostri mobili saranno finalmente nei nuovi alloggi...".

Così uno dei portavoce e residente in uno dei due 'grattacieli' del Quartiere Cogne ad Aosta, commenta l'invito del primo cittadino a smorzare definitivamente le polemiche e chiudere così il 'ciclo' dell'annosa vicenda del trasferimento di circa 60 famiglie dai fatiscenti palazzoni ai nuovi appartamenti Erp del Contratto di quartiere 1 in via Elter.

Dopo due anni di continui rinvii (dovuti a lungaggini burocratiche e problemi tecnici agli impianti) e promesse mancate di imminente trasferimento, lunedì 4 febbraio l'Arer prenderà ufficialmente in consegna i nuovi alloggi con la sottoscrizione dell’atto di cessione del diritto di superficie. Le famiglie assegnatarie attendono dunque i traslochi che, secondo il sindaco di Aosta, potrebbero iniziare a fine febbraio e concludersi nel giro di qualche giorno.

"Concordiamo con il sindaco sul fatto che il Quartiere Cogne sta vivendo un’enorme fase di trasformazione - afferma Cozzucoli - e che con la nuova Università questo nuovo 'volto' urbano sarà tangibile, ma ora attendiamo unicamente fatti concreti. Traslochiamo dunque, poi di tutto il resto possiamo parlarne".

Dal canto suo il sindaco Centoz ricorda che sono stati appaltati i lavori di prolungamento di via Elter che partiranno in primavera ed è in corso di ultimazione la progettazione per l’abbattimento del grattacielo alto.

red. pol.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore