EVENTI E APPUNTAMENTI | martedì 20 agosto 2019 19:09

EVENTI E APPUNTAMENTI | 28 gennaio 2019, 12:22

Alla Cittadella di Aosta il sublime rock di strada dei Veeblefetzer

Alla Cittadella di Aosta il sublime rock di strada dei Veeblefetzer

Un intreccio di reggae, hip hop e brass’n’roll dal sapore tropical gypsy: questi sono i romani Veeblefetzer che si si esibiranno venerdì 1 febbraio dalle 21,30 alle 23 sul palco della Cittadella dei giovani di Aosta.

'More', il nuovo album della band uscito il 25 gennaio per Goodfellas, anticipato dalla personalissima cover di 'Love Buzz', perla sixties resa celebre dai Nirvana di Kurt Cobain.

Il primo esplosivo singolo “Katabum” a settembre 2018 ha anticipato il nuovo lavoro e fatto parte della colonna sonora del lungometraggio “La profezia dell’Armadillo”. Il film tratto dall’omonima graphic novel best seller di Zerocalcare è stato presentato alla Mostra Internazionale del Cinema di Venezia dove i Veeblefetzer si sono fatti notare con uno strepitoso ingresso in sala.

All’interno della colonna sonora del film erano presenti anche “Love Buzz” e una versione electro cumbia del brano 'La Notte'https://www.youtube.com/watch?v=lH4hQ6dFmyM parte della raccolta “Istituto Italiano di Cumbia Vol.2“, uscita per La Tempesta Sur e Goodfellas.

“More” arriva a tre anni di distanza da “No Magic No Bullet”, esordio che ha tenuto i Veeblefetzer impegnati in un lunghissimo ed estenuante tour senza fine. Con il nuovo album Andrea “Mondo Cane” Cota, Sandro Travarelli, Luca Corrado e Gabriele Petrella riprenderanno le loro scorribande portando ovunque il loro live multigenere e globale.

“‘More’, perché queste canzoni sono come frutti che nascono dagli arbusti, dalle spine. ‘More’, perché in inglese vuol dire ‘di più’, abbiamo evoluto il nostro sound. ‘More’, perché sempre in inglese è anche anagramma di Rome, la nostra città dove torniamo a rifugiarci dopo ogni scorribanda. ‘More’, perché Roma è bella, ma ‘qui se more’ un po’ ogni giorno”.

Animali da palco come poche band italiane, i Veeblefetzer hanno condiviso lo stage con Roy Paci e aperto il live Gogol Bordello. All’attivo hanno diversi tour in Italia e all’estero (Germania, Austria, Svizzera, Repubblica Ceca, Slovacchia, Regno Unito). Alla domanda di rito su quale sia l’origine del nome Veeblefetzer il cantante Andrea Cota risponde: “Erano mesi che avevo un sogno ricorrente. Una mattina del 2012 con una buona dose di intraprendenza, follia e voglia di suonare ho chiamato gli altri e ci siamo trovati il nome più tortuoso e bizzarro possibile, per evitare di cadere nell’insipido. Da subito non volevamo etichettarci e ci ha stregato l’idea di rimanere liberi di sperimentare con i suoni”.

Ingresso gratuito. Per maggiori informazioni visitare il sito web della Cittadella dei giovani.

i.d.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore