INTEGRAZIONE E SOLIDARIETÀ | sabato 23 febbraio 2019 04:42

INTEGRAZIONE E SOLIDARIETÀ | 27 gennaio 2019, 10:46

Consiglio Valle a favore del decreto sicurezza Salvini

Durante la seduta del 24 gennaio 2019, il Consiglio Valle ha respinto, con 17 astensioni (UV, UVP, SA, ALPE, GM), 13 contrari (Lega VdA, M5S e Mouv') e 3 a favore (RC-AC e ADU-VdA), la mozione presentata congiuntamente dai gruppi RC-AC e ADU VdA in merito all'applicazione del decreto sicurezza, ed in particolare sul tema dell'immigrazione, intendendo impegnare l'Amministrazione regionale a promuovere un ricorso alla Corte costituzionale, oltre a riferire nell'apposita Commissione consiliare e a coinvolgere gli Enti locali, tramite il CELVA, al fine dell'adozione di linee di condotta comuni

Consiglio Valle a favore del decreto sicurezza Salvini

"La Valle d'Aosta, purtroppo, si è dimostrata più vicina che mai al governo giallo/verde (tendente al nero). In attesa di un rinforzino per campare, si spiana la strada alle politiche peggiori. Altrove i governi regionali hanno saputo smarcarsi, hanno lanciato segnali di consapevolezza in piena autonomia". Il movimento Ambiente Diritti Uguaglianza in VdA commneta così il voto del Consiglio regionale che ha respinto una mozione presentata dalla Consigliera Daria Pulz, con la quale chiedeva alla Giunta di ricorrere alla Corte Costituzionale contro il decreto Salvini sulla sicurezza.

"Qui, dove l'autonomia viene sventolata in ogni dove - si legge in una nota di ADu VdA - la scelta di sudditanza, ipocrita e meschina, è un segnale preciso è inequivocabile. Si è imposto un modello di autonomia che esclude, anziché includere e non sa più cosa sia giustizia e solidarietà". Secondo il movimento "L'astensione dell'attuale maggioranza è collaborazionismo. Il voto contrario, da parte del locale M5S, alla proposta di ricorso svela invece la reale natura dei grillini: fra la finta umanità di Fico e la violenta intransigenza di Salvini".

Il Movimento commenta negativamente l'intervento del Presidente della Regione, Antonio Fosson, sottolienando che "con la sua infelice dichiarazione in cui invitava la Consigliera Pulz ad ospitare a casa propria i migranti, confondendo così funzioni pubbliche con solidarietà privata, è ormai evidente che miri a mantenere la presidenza anche nel prossimo governo Lega + UV".

red. pol.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore