Salute in Valle d'Aosta | venerdì 23 agosto 2019 05:15

Salute in Valle d'Aosta | 26 gennaio 2019, 10:42

Regione punta a 'Sanità attiva e medicina d'iniziativa'

Regione punta a 'Sanità attiva e medicina d'iniziativa'

"La fotografia della Sanità nella nostra regione, ci permette di sostenere che si sono raggiunti elevati livelli di qualità". Lo ha detto l'assessore regionale alla Sanità, Mauro Baccega, durante l’evento '40 anni del Servizio Sanitario in Valle d’Aosta' svoltosi nella sera di giovedì scorso a Palazzo regionale ad Aosta. 

Secondo i dati diffusi dall'assessore, le indagini di gradimento svolte tra l'utenza "evidenziano con grande chiarezza l’elevata capacità professionale degli operatori, medici, infermieri, tecnici di laboratorio, barellieri, personale amministrativo e di rappresentanti delle professioni sanitarie che insieme alla collaborazione dei sindacati di appartenenza, hanno dato efficienza e qualità al Sistema, senza però dimenticare quel prezioso sostegno che viene dato alla salute pubblica dalla rete di solidarietà delle Associazioni di Volontariato che completano con il loro lavoro sul territorio e presso le famiglie, il nostro sistema socio sanitario".

A Baccega ha fatto eco il Presidente della Giunta, Antonio Fosson (che è medico chirurgo): "Vogliamo dare risposte efficaci proprio nella direzione di un chiaro miglioramento della qualità del Servizio sanitario, rafforzando l’assistenza Ospedaliera da una parte, ma soprattutto l’assistenza sul territorio. Territorio che richiede la giusta attenzione e ulteriori investimenti".

Qualche problema è registrato nei rapporti tra il Servizio sanitario dell'assessorato regionale e l’Azienda Usl VdA. "Vanno ridotte lungaggini burocratiche che determinano ritardi nei tempi di risposta - ha sostenuto l'assessore Baccega - per migliorare è necessario programmare e per la sanità valdostana il 2019 sarà un anno di importante programmazione".

Durante la serata hanno relazionato anche il Commissario dell’Azienda Usl della Valle d’Aosta, Angelo Pescarmona. Ospite d'onore il già Ministro della Salute, nonché insignito dell'onorificenza di 'Amis de la Vallée d'Aoste' Renato Balduzzi.   Molto apprezzati  gli interventi di sette Direttori di Strutture sanitarie dell’Azienda Usl valdostana a  che hanno focalizzato l’attenzione del pubblico su come la medicina si sia evoluta in questi anni.     

Fosson e Baccega hanno concordato sul fatto che la Regione debba puntare "ad una medicina attiva". "Una medicina di iniziativa  - ha precisato Baccega - che pianifica per tempo; lavoreremo per raggiungere l’obiettivo di organizzare gruppi di medici sul territorio che garantiscano una presenza costante".

Inoltre, sarà necessario rivedere l’Atto aziendale del 2017 "che necessita di importanti aggiustature soprattutto assegnando a strutture mediche la giusta dignità", ha spiegato il Presidente Fosson senza entrare nel dettaglio.            

val. pra.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore