ECONOMIA | mercoledì 24 aprile 2019 04:51

ECONOMIA | 26 gennaio 2019, 10:50

Chiarimenti sull’obbligo di registrazione e comunicazione alla Questura delle persone alloggiate

Accedendo al portale della Questura di Aosta è possibile avvalersi della modulistica che ricomprende tutte le attività soggette all’obbligo dell’art. 109 T.U.L.P.S. in modo da potersi collegare al sistema “Alloggiati Web” in cui attualmente sono registrati 2.634 operatori del composito settore degli esercizi alberghieri e delle strutture ricettive

Chiarimenti sull’obbligo di registrazione e comunicazione alla Questura delle persone alloggiate

L’articolato pacchetto di misure di sicurezza pubblica contenute nella legge n. 132 del 1 dicembre 2018 prevede anche disposizioni inerenti le attività di esercizi pubblici che erogano servizi alberghieri, oltre che quelle riconducibili alle altre strutture ricettive.

In particolare, l’art. 19 bis della predetta legge è intervenuto a chiarire l’ambito di applicazione dell’obbligo di registrazione e comunicazione alla Questura competente per territorio delle generalità delle persone alloggiate nelle strutture ricettive, così come stabilito dall’art. 109 T.U.L.P.S. Gli obblighi in esso previsti si applicano anche con riguardo ai locatori o sub locatori che affittano immobili o parte di essi con contratti di durata inferiore ai 30 giorni.

Come è noto, l’obbligo di registrazione e comunicazione al Questore delle generalità’ degli alloggiati si rivolge ad una variegata platea che ricomprende non solo gli operatori economici “tradizionali” del settore alberghiero, ma anche gli altri soggetti impegnati nelle attività turistico-ricettive di natura para ed extra alberghiera.

Sfuggire a tale dovere comporta la sanzione penale dell'arresto fino a tre mesi o l'ammenda fino ad € 206,00 con eventuale sanzione accessoria della sospensione temporanea dell’autorizzazione a svolgere attività ricettiva e, nel caso di reiterazione di questo illecito, si deve prendere in considerazione quanto previsto dal codice penale in cui viene stabilito che il reato continuato è punito con la pena che dovrebbe infliggersi per la violazione più grave aumentata fino al triplo.

info questura

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore