AMBIENTE | sabato 23 febbraio 2019 04:44

AMBIENTE | 25 gennaio 2019, 18:17

Al Forte di Bard premiati i fotografi vincitori di Wildlife Photographer of the Year

Al Forte di Bard premiati i fotografi vincitori di Wildlife Photographer of the Year

Il Forte di Bard, principale polo culturale della Valle d’Aosta, ospita dal 2 febbraio al 2 giugno 2019, l’anteprima italiana della 54esima edizione del Wildlife Photographer of the Year, il più importante riconoscimento dedicato alla fotografia naturalistica promosso dal Natural History Museum di Londra.

In esposizione oltre cento emozionanti immagini vincitrici nelle 19 categorie del premio selezionate tra 45.000 scatti provenienti da 95 paesi del mondo, valutati da una giuria internazionale di stimati esperti e fotografi naturalisti.  

Vincitore del prestigioso titolo Wildlife Photographer of the Year 2018 è il fotografo olandese Marsel Van Oosten con lo scatto “The Golden Couple”. L’immagine ritrae due scimmie dal naso dorato nella foresta temperata delle montagne cinesi di Qinling, l'unico habitat per queste specie a rischio di estinzione. La foto coglie la bellezza e la fragilità della vita sulla terra oltre che uno scorcio di alcuni degli straordinari, ma facilmente riconoscibili, esseri con cui condividiamo il pianeta.

Il presidente della giuria, Roz Kidman Cox, afferma: "Quest’immagine è un ritratto. È un richiamo simbolico alla bellezza della natura e al modo in cui ci stiamo impoverendo mentre la natura diminuisce. È un'opera degna di essere esposta in qualsiasi galleria del mondo".  

Il sedicenne Skye Meaker, invece, ha ricevuto il premio per Young Wildlife Photographer of the Year 2018 con il suo affascinante scatto “Lounging Leopard”, un leopardo che si sveglia dal sonno nella Mashatu Game Reserve, nel Botswana. Skye sogna di diventare fotografo naturalista da quando ha ricevuto la sua prima macchina fotografica tascabile, all'età di sette anni.

“Grazie al timing e alla composizione eseguiti con precisione, riusciamo a gettare uno sguardo nel mondo interiore di uno degli animali più fotografati, ma raramente visto dal vivo” afferma il giudice della gara nonché vincitore dell’edizione precedente, Alexander Badyaev.  

Sei gli italiani presenti in gara: il fotografo lombardo Marco Colombo ha vinto nella sezione Urban Wildlife con lo scatto “Crossing Paths”, che raffigura un orso marsicano che e attraversa le strade notturne e deserte di un borgo appenninico del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Menzioni speciali, inoltre, per Emanuele Biggi, categoria Animals in Their Environment, Valter Bernardeschi, categoria Animal Portraits, Lorenzo Shoubridge, categoria Behaviour: Amphibians and Reptiles, Stefano Baglioni, categoria Plants and Fungi e Georg Kantioler, categoria Earth’s Environments.  

Alla cerimonia inaugurale – in programma venerdì 1° febbraio - saranno presenti i fotografi Valter Bernardeschi e Lorenzo Shoubridge che terranno anche una visita guidata in mostra sabato 2 febbraio, alle ore 15. E’ possibile prenotarsi al numero 0125 833818 o via mail all’indirizzo prenotazioni@fortedibard.it.  

Novità di questa edizione è il Lifetime Achievement Award, assegnato al fotografo naturalista Frans Lanting, per il suo eccezionale contributo da oltre tre decenni alla conservazione della fauna selvatica. I suoi incarichi per la rivista National Geographic lo hanno portato a svolgere lavori pionieristici in Madagascar, portando alla luce i problemi ambientali dell'isola e in Botswana.   

info Forte di Bard

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore