Confcommercio VdA | domenica 16 giugno 2019 19:31

Confcommercio VdA | 05 gennaio 2019, 18:05

Confcommercio VdA invoca soluzioni urgenti ed eque contro i continui rincari delle tariffe autostradali

Confcommercio VdA invoca soluzioni urgenti ed eque contro i continui rincari delle tariffe autostradali

Le Amministrazioni, gli enti e le associazioni private a tutela di esercenti, imprese e consumatori ma anche la società civile devono schierarsi una volta per tutte e unitariamente contro i puntuali rincari delle tariffe autostradali applicati in Valle, a volte singolarmente ma spesso in modo complementare e trasversale, dalle società di gestione Rav e Sav.

E’ questa la ferma opinione di Graziano Dominidiato, presidente di Confcommercio VdA, in merito all’ennesimo aumento del 6,32% deciso l’1 gennaio dalla società Raccordo autostradale valdostano-Rav per la tratta Aosta-Courmayeur.

“Siamo apertamente contrariati e preoccupati  - afferma Dominidiato –  per le oscure dinamiche che determinano rincari che ogni anno si applicano automaticamente, senza che i gestori si preoccupino di confrontarsi almeno con le rappresentanze dell’utenza. Sarebbe molto più corretto e trasparente se minister dei Trasporti, Società traforo Monte Bianco-Sitmb, Anas insieme a Rav e Sav sedessero finalmente attorno a un tavolo per cercare soluzioni di introito più eque nel rispetto degli automobilisti residenti e delle realtà economiche, e sono tante, che in Valle d’Aosta vivono di commercio e di turismo”.

Ma Confcommercio Valle d’Aosta ha anche qualche proposta, quantomeno improntata alla trasparenza, come l’installazione di cartelli stradali ad alto impatto visivo che, a Pont-Saint-Martin per chi sale in Valle e all’uscita dei trafori per chi vi entra da Francia e Svizzera, indichino con chiarezza i costi della tratta per ogni casello di uscita.

“Sarebbe anche indispensabile – afferma Dominidiato – frazionare i pagamenti delle diverse tratte (esempio Aosta Ovest, Morgex, Courmayeur sud) per facilitare turisti e viaggiatori”. Si tratterebbe ovviamente, ribadisce il presidente di Confcommercio VdA, “di accorgimenti apprezzabili ma non risolutori del problema, che sta diventando realmente oneroso per la comunità valdostana”.

info Confcommercio VdA

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore