CRONACA | lunedì 18 marzo 2019 19:33

CRONACA | 12 dicembre 2018, 09:30

Verrayes: Il Vigile arancione riduce velocità e incidenti

Ieri abbiamo pubblicato un articolo su Ok Velo indicando il rilevamento della velocità nel comune di Chambave, mentre si tratta del comune di Verrayes. Ci scusiamo con la Giunta di Chambave che ieri ha dedicato parte della sua riunione al nostro errore. Forse non aveva altro di meglio da discutere. Parimenti ci scusiamo con il sindaco di Verrayer che ha fatto alcune precisazioni delle quali prediamo atto.

Verrayes: Il Vigile arancione riduce velocità e incidenti

L’articoletto che ha fatto arrabbiare la Giunta di Chambave e che abbiamo tolto dal giornale:

"CHAMBAVE: Il Vigile arancione segnalato dopo il rilevamento della velocità Attenzione a chi percorre la strada statale 26 nei comune di Chambave. Infatti il rilevatore di velocità, invece di essere segnalato prima del suo posizionamento è indicato dopo. Peggio ancora proprio il vigile arancione nasconde di cartello. Furbata, noncuranza, disattenzione? Ma il Sindaco, gli assessori, il Vigile urbano arancione che è fuori posto non lo vedono? Ma può anche essere che l'occhio elettronico sia posizionato per deterrente ma non sia attivo".

Ribadiamo le scuse a Chambave per l’errore in cui è in corso il nostro lettore nella segnalazione, dovuto al fatto, anche, che non è indicato il confine del territorio, al stesso tempo ben volentieri pubblichiamo la meritoria azione compiuta dal vigile arancione nel tratto della Stada Stale che attraversa il territorio di Verrayes. (nella foto il Ok Velo in località Campagne di Verrayes)

Il cartello incriminato, come ha precisato il Sindaco di Verrayes, Erik Lavevaz, è stato posizionato nel rispetto del codice della strada per informare gli automobilisti che escono dal bivio, dell’autovelox posto 100 metri più avanti. Il sindaco precisa ancora che il vigile arancione ‘incriminato’ è segnalato secondo il codice della strada. I vigili arancioni svolgono, comunque egregiamente il loro lavoro tanto che da quando sono stati installati la velocità si è notevolmente ridotta.

Il tratto di strada è particolarmente pericolo e sul quel tracciato nella scorsa estate si è verificato un incidente che ha mietuto due vittime. “Tra prima dell’installazione del dispositivo senza presidio e dopo – sottolinea Erik Lavevaz –si è ridotta del 71% di velocità da ‘infrazione grave’ e del 40% di passaggi a velocità da infrazione”.

Il Sindaco ha promosso le iniziative per la riduzione della velocità lo scorso anno con autovelox normale “perché – aggiunge Lavevaz (nella foto) - mi erano stati segnalati diversi casi in cui i ragazzi , attraversando per prendere il pullman , hanno rischiato di essere investiti “.

I due dispositivi OkVelo hanno già rilevato, nei giorni di messa in funzione  dal giugno scorso, un centinaio di infrazioni al codice della strada in relazione al superamento del limite di velocità. Ma sono preoccupanti i dati dei monitoraggio, senza rilevamento ai fini delle sanzioni. Nel tratto di statale in località Champagne.

Sono stati infatti rilevati oltre 7.000 infrazioni giornaliere per un totale, in proiezione, di oltre 2,5 milioni all’anno. Dopo l’installazione dei vigili arancione il superamento dei limiti monitorati sono scesi rispettivamente a meno di 4000 al giorno e a meno di un milione e mezzo all’anno.

pi.mi.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore