FEDE E RELIGIONI | lunedì 18 marzo 2019 19:27

FEDE E RELIGIONI | 08 dicembre 2018, 18:00

Domani domenica 9 dicembre saint Pierre Fourier

Ringrazia e bacia dolcemente la mano di Dio che ti percuote; è sempre la mano di un padre che ti percuote perché ti vuol bene. (San Pio Pietrelcina)

Domani domenica 9 dicembre saint Pierre Fourier

AGENDA DEL VESCOVO DI AOSTA MONS. FRANCO LOVIGNANA

Domenica 9 dicembre
Cattedrale - ore 15.00
S. Messa e commemorazione del 50° anniversario dell'Ordinazione episcopale
e dell'ingresso in diocesi di Mons. Ovidio Lari

Lunedì 10 dicembre
Priorato di Saint-Pierre - ore 9.30
Ritiro d'Avvento per il clero

Lunedì 10 - martedì 11 dicembre
Roma
Comitato per la valutazione dei progetti di intervento
a favore dei beni culturali ecclesiastici e dell'edilizia di culto

Mercoledì 12 dicembre
Aosta, Saletta Palazzo Regionale - ore 10.00
Incontro organizzato dalla Fondazione CRT

Giovedì 13 dicembre
Pianezza - mattino
Commissione Presbiterale regionale

Pianezza - pomeriggio
Direttivo Commissione Presbiterale regionale

Sabato 15 dicembre
Torino, Basilica di Maria Ausiliatrice - ore 11.00
S. Messa in preparazione al Natale per l'Ordine di Malta

Cattedrale di Alba - ore 15.30
Ordinazione episcopale di S.E. Mons. Marco Mellino

•Le Messager Valdotain sabato domenica 9 dicembre saint Pierre Fourier

La Chiesa onora San Juan Diego Cuauhtlatoatzin Veggente di Guadalupe

Nel dicembre 1531 la Madonna apparve a Guadalupe, in Messico, scegliendo come suo interlocutore un povero indio, Juan Diego, nato verso il 1474 e morto nel 1548, che prima di convertirsi al cattolicesimo portava un affascinante nome azteco, Cuauhtlotatzin, che sta a significare “colui che parla come un’aquila”. Cuauhtlotatzin fu tra i primi a ricevere il battesimo, nel 1524, all’eta’ di cinquant’anni, con il quale gli fu imposto il nuovo nome cristiano di Juan Diego, e con lui venne battezzata anche la moglie Malintzin, che prese a sua volta il nome di Maria Lucia. Rimasto vedovo dopo solo quattro anni di matrimonio, orientò tutta la sua vita a Dio. Dopo le apparizioni della S. Vergine sulla collina del Tepeyac visse santamente per 17 anni in una casetta che il vescovo Zumàrraga gli aveva fatto costruire a fianco della cappella eretta in onore della Vergine di Guadalupe. Giovanni Paolo II nel 1990 lo ha dichiarato beato, per proclamarlo infine santo nel 2002.

 Il sole sorge alle ore 7,50 e tramonta alle ore 16,37.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore