Confcommercio VdA | domenica 16 dicembre 2018 15:01

Confcommercio VdA | sabato 01 dicembre 2018, 22:27

Il Comitato tecnico di Confcommercio VdA protagonista al convegno 'Turismo sostenibile/sosteniamo il turismo'

Luca Ghiorzi, relatore al convegno

Luca Ghiorzi, relatore al convegno

Come attrarre il turista e farlo 'fermare', o meglio fidelizzarlo alla Valle d'Aosta? Quale la strategia migliore per 'far rete' tra diversi operatori del turismo valdostani? Sono alcune domande per le quali ha cercato di individuare risposte il convegno organizzato sabato 1 dicembre all'Hostellerie du Cheval Blanc ad Aosta.

"I relatori sul tema 'Turismo sostenibile/ Sosteniamo il turismo' hanno tentato di proporre soluzioni per rendere più attraente l'offerta locale", ha spiegato Annabella Paesani, responsabile comunicazione dell'Hostellerie e organizzatrice del convegno, al quale hanno preso parte oltre a diversi esperti anche Antonio Fosson, consigliere regionale di PnV, l'assessore regionale all'Istruzione, Paolo Sammaritani; i consiglieri regionali della Lega VdA Luca Distort e Andrea Manfrin; i consiglieri regionali del M5S Manuela Nasso e Luciano Mossa.

E proprio dagli esponenti politici sono giunti apprezzamenti all'avvio del Comitato tecnico sul turismo di Confcommercio VdA, che al convegno è stato rappresentato dal coordinatore, Luca Ghiorzi, che ha sottolineato l'importanza di valorizzare l'offerta turistica mediante prossime azioni in sinergia con agricoltori e artigiani, "perchè ai turisti appassiona particolarmente assistere alle fasi di realizzazione dei formaggi e di altri prodotti gastronomici locali così come delle sculture in legno e dell'artigianato tipico".

Ghiorzi ha sottolineato come aziende ricettive locali e privati che affittano a turisti e a villeggianti "sono tutti soggetti che hanno a cuore non solo interessi personali ma il bene della Valle d'Aosta e la necessità di rilanciare l'economia di settore, al contrario degli operatori della 'giga economy' poco trasparenti e poco sensibili alle dinamiche regionali: soggetti così non devono sedere ai nostri tavoli di confronto". Il coordinatore del Comitato tecnico turismo di Confcommercio ha ribadito che "gli operatori locali della ricettività, commercianti e associazioni dedite al rilancio dell'economia turistica stanno maturando insieme e trasversalmente l'idea che occorra percorrere tutti lo stesso cammino di crescita per il turismo valdostano". Ghiorzi ha anche auspicato di poter far sedere i piccoli proprietari di immobili turistizi valdostani a un tavolo di confronto e mediazione per portare soluzioni comuni per la tariffazione dell'imposta di soggiorno e per la raccolta dei dati Istat.

Al convegno hanno partecipato in qualità di relatori l'assessore al Turismo del Comune di Chamois, Mario Lorenzo Pucci, che ha parlato di pionieri nelle scelte verso un turismo sostenibile; Stefano Celi presidente di VIVAL VdA (associazione viticoltori Valle d'Aosta); Roberto Gaudio presidentre del Cervim (Centro ricerche, studi e valorizzazione per la viticultura valdostana); Flavio Cerotti, Sales net national manager di Repower Spa, circuito delle eccellenze R101 e mobilità elettrica e Alberto Santoni amministratore della Santoni Srl. 

Tutti i relatori hanno convenuto sul fatto che in un mondo sempre più aperto e globalizzato, il turista ricerca esperienze autentiche e locali, vuole entrare in contatto e conoscere la cultura e la comunità del luogo che visita. Il viaggiatore é sempre più sensibile agli aspetti ambientali e preferisce strutture ecosostenibili. 

info Confcommercio VdA

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore