Salute in Valle d'Aosta | giovedì 13 dicembre 2018 12:58

Salute in Valle d'Aosta | venerdì 30 novembre 2018, 09:29

Emergenze in sala parto, formazione aggiornata al Beauregard

Emergenze in sala parto, formazione aggiornata al Beauregard

E' organizzato dalla Struttura di Ginecologia e Ostetricia all'ospedale Beauregard di Aosta, lunedì 3 e martedì 4 dicembre organizzato dalla si terrà un corso aperto a tutti i medici ginecologi e ostetrici ed anestesisti che lavorano a contatto con le emergenze in sala parto.

E la seconda edizione dopo quella dell’anno scorso che vedrà giungere ad Aosta il gruppo Geo dove il dottor Claudio Crescini già direttore dell’ospedale di Treviglio e il dr Ragusa Antonio direttore dell’area vasta ostetrica della Toscana nord addestreranno i nostri operatori delle emergenze quali l’emorragia post partum, la distocia di spalla, il prolasso di funicolo, eventi non frequenti ma che necessitano di una pronta risposta della equipe ostetrico -pediatrico-anestesiologica in servizio.

Numerosi studi sulla mortalità e morbosità materna e neonatale rilevano l’importanza di adottare sistemi didattici efficaci, sistemi che permettano di migliorare il lavoro di gruppo nelle Sale Parto e nei Reparti di Ostetricia.

Sulla base delle prove di efficacia dimostrate dai progetti di simulazione, utilizzati dapprima nel campo dell’aviazione Industriale e in seguito tradotti, dopo le opportune modifiche, nel miglioramento delle prestazioni sanitarie, da anni in molti Paesi sono stati sviluppati dei programmi di formazione sulla gestione delle emergenze ostetriche. Questi programmi spesso prevedono l’utilizzo anche di simulatori. Semplicemente lavorando in gruppo durante i programmi formativi, il lavoro del team migliora.

I gruppi multidisciplinari che sono stati coinvolti in progetti formativi sulla gestione delle emergenze ostetriche, anche attraverso l’utilizzo di simulazioni, hanno dimostrato maggiore confidenza nella gestione delle situazioni di emergenza, in termini sia di conoscenza che di gestione clinica, anche rispetto ai gruppi coinvolti unicamente in progetti formativi con lezioni frontali. Audit clinici condotti in Unità Operative in cui si organizzano periodicamente simulazioni sulla gestione delle principali emergenze ostetriche hanno dimostrato, inoltre, un miglioramento degli esiti clinici, dopo un periodo di training. In particolare, le performance migliori si sono ottenute nelle Unità in cui sono stati implementati programmi di training che hanno garantito la partecipazione, al progetto formativo, di tutto il personale.

Afferma al riguardo il dottor Livio Leo: “La realizzazione di programmi di formazione all’interno dei propri Punti Nascita, coinvolgendo tutto il personale, ha evidenziato un miglioramento anche in termini di sensazione di sicurezza dei singoli e nella gestione della comunicazione. La formazione in sede permette anche di identificare nel corso delle simulazioni, eventuali deficit o problemi di sicurezza con la formulazione di opportune proposte risolutive. Infine, anche sotto il profilo economico, i progetti formativi “in house” rappresentano una scelta più economica per le Aziende, rispetto al formare uno o due operatori inviandoli a corsi extra sede.”
Le principali Società scientifiche, l’Organizzazione Mondiale della Sanità e il Ministero della Salute raccomandano alle Aziende Sanitarie di eseguire corsi di formazione periodici, formulando un piano di lavoro che permetta la partecipazione a tutti gli operatori e la nostra AUSL non è da meno e richiama operatori da fuori regione.

val. pra.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore