Salute in Valle d'Aosta | giovedì 13 dicembre 2018 12:57

Salute in Valle d'Aosta | sabato 24 novembre 2018, 22:32

Il Piano Nazionale Cronicità radiografato da Card VdA-Piemonte

Il Piano Nazionale Cronicità radiografato da Card VdA-Piemonte

Per gestire la cronicità ed implementare il Piano Nazionale Cronicità è necessario porre grande attenzione al contesto e alle complessità che esso stesso presenta. E’ quanto ha messo in luce il terzo convegno Interregionale CARD Piemonte Valle d'Aosta, svolto venerdì 23 novembre a Torino, nel corso del quale il vice presidente CARD VdA Albert Lanièce, senatore della Valle d’Aosta, ha illustrato i contenuti del documento che non è ancora stato recepito dalla Regione.

Il convegno ha dato l’occasione ad Anna Castiglion, ufficio innovazione e ricerca Ausl VdA, per presentare il progetto Mismi che con finanziamenti della cooperazione transfrontaliera permette di implementare la medicina d'iniziativa con la chiamata attiva di utenti cronico da parte degli infermieri.

Nutrita la platea di uditori al convegno promosso da CARD Piemonte Valle d'Aosta aperto dal Commissario dell'Usl della Valle d'Aosta, Angelo Pescarmona, che ha rinnovato l'importanza del lavoro dei Distretti nella presa in carico della cronicità.

La Presidente CARD VdA Federica Duò (nella foto in basso) che “esprime grandissima  soddisfazione” per un evento che ha visto il susseguirsi di relazioni qualitativamente elevate e nel pomeriggio una tavola rotonda ricca di suggestioni, è intervenuta rimarcando le “C” che caratterizzano il territorio:cronicità, contesto, complessità, condivisione e comunicazione. Da parte sua Massimo Pesenti, il Direttore di Area Territoriale, ha illustrato in Piano Nazionale Cronicità Massimo Pesenti Campagnoni. Altri qualificati interventi sono stati svolti dalla Responsabile della riabilitazione territoriale, Antonella Lacroix.

Raffaela De Cristofaro e Nunzio Venturella hanno preso parte alla tavola rotonda che ha chiuso i lavori rimarcando quanto  l’appropriatezza delle cure determini il buon funzionamento dei sistemi sanitari tradotto in termini di efficacia, efficienza, equità  e tale aspetto assume sempre maggiore  rilevanza in ambito di patologie croniche.

In riferimento a quanto previsto dal Piano Nazionale della Cronicità 2016 la tavola rotonda ha messo in luce come la prevenzione di condizioni che complicano la cronicità, la corretta scelta del trattamento terapeutico, il migliorare la qualità di vita dei pazienti e dei caregivers, diventano, nella presa in carico globale del paziente cronico imprescindibili per  il mantenimento di un sistema sostenibile.

L’organizzazione del convegno è stata coordinata dalla Presidente del Piemonte, Paolina di Bari, che con Federica Duò ha condiviso l’impegno per organizzare nel 2019 un appuntamento in Valle d’Aosta.

red. san.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore