SANITÀ, SALUTE E STARE BENE | lunedì 10 dicembre 2018 17:20

SANITÀ, SALUTE E STARE BENE | mercoledì 21 novembre 2018, 20:58

Uv e Uvp propongono una Valle d'Aosta libera dalle slot

I gruppi consiliari Union Valdôtaine e Union Valdôtaine Progressiste hanno depositato una proposta di legge volta a introdurre il divieto di apertura di spazi per il gioco d'azzardo sul territorio regionale

Come a Ravenna anche in Valle d'Aosta 'Il caffè è più buono se il bar è SenzaSlot!' slogan ideato da www.senzaslot.it chen pubblica l'elenco dei locali senza slot.

Come a Ravenna anche in Valle d'Aosta 'Il caffè è più buono se il bar è SenzaSlot!' slogan ideato da www.senzaslot.it chen pubblica l'elenco dei locali senza slot.

Stop a slot e altri strumenti utili al gioco d'azzardo in tutti i locali commerciali, bar, ristoranti attivi in Valle d'Aosta. Insomma Valle d'Aosta potrebbe diventare la prima regione italiana free slot. Lo propongono Uv e Uvp due movimenti che si candidano a governare la Valle d'Aosta.

La normativa si compone di un solo articolo che, oltre a contemplare il divieto, reca una disposizione di coordinamento che abroga le disposizioni della legge regionale n. 14/2015 incompatibili e una disposizione transitoria per consentire ai gestori di spazi per il gioco di adeguarsi nonché ai Comuni di adottare le necessarie deliberazioni regolamentari.

"In considerazione della preoccupante espansione del gioco d'azzardo - spiegano i Consiglieri di UV e UVP -, che ha ormai assunto le caratteristiche di una vera e propria emergenza sociale, appare necessario intervenire per contrastare in modo incisivo tale fenomeno. In particolare, con il nostro intervento normativo si intende circoscrivere il gioco d'azzardo ai soli locali destinati in via esclusiva o prevalente a tale attività, vietando conseguentemente il posizionamento di apparecchiature elettroniche da gioco all'interno di locali, quali bar e esercizi commerciali, che non fanno di quest'ultimo la loro attività principale".

La proposta e all'attenzione della quinta Commissione e va molto oltre alla proposta leghista che voleva una limitazione degli orari.

Nella foto al centro l'ex assessore alle politiche sociali del Comune di Aosta, Marco Sorbara (ora Consigliere regionale Uv) con Vincenzo Caminiti, consigliere comunale di Aosta ,che da presidente della Commissione Politiche sociali è il più convinto paladino della lotta alle ludopatie.

red. pol.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore