Salute in Valle d'Aosta | giovedì 13 dicembre 2018 12:56

Salute in Valle d'Aosta | mercoledì 14 novembre 2018, 15:33

Prorogato il protocollo di intesa tra Usl e Sovrintendenza agli studi per i farmaci a scuola

· L’assistenza agli studenti delle scuole della Valle d’Aosta che hanno la necessità di assumere farmaci durante l’orario scolastico è garantita da un protocollo di intesa siglato tra la Sovrintendenza agli Studi e l’Azienda Usl

Prorogato il protocollo  di intesa tra Usl e Sovrintendenza agli studi  per i farmaci a scuola

Il documento, che fa seguito ad una deliberazione della Giunta regionale del 2015 e al  protocollo per il triennio 2016/2018, stabilisce - nella proroga valida tre anni - le linee guida  per la definizione degli interventi in casi particolari, come le crisi convulsive o di asma  acuta, shock anafilattico, diabete giovanile e altre situazioni concernenti bisogni sanitari  specifici.

I genitori degli alunni che necessitano di assistenza (o chi ne eserciti la potestà  genitoriale), allegando ai moduli predisposti dalla Sovrintendenza agli Studi la prescrizione del pediatra di libera scelta, del medico di Medicina generale o del medico specialista, potranno chiedere l’autorizzazione a somministrare personalmente i farmaci, accedendo alla sede della scuola oppure avranno facoltà di delegare il personale scolastico.

Il medico dovrà specificare l’assoluta necessità del farmaco, le modalità di  somministrazione, la fattibilità della somministrazione da parte di personale non sanitario. Il Dirigente dell’istituto scolastico individuerà il personale disponibile e adeguatamente formato attraverso i corsi specifici organizzati dall’Azienda Usl e predisporrà, se necessario, le modalità per la custodia e la conservazione dei farmaci presso la sede della  scuola. 

red. san.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore