AMBIENTE | venerdì 14 dicembre 2018 14:20

AMBIENTE | sabato 18 agosto 2018, 13:00

Nuovo Piano di gestione territoriale del Parco Mont Avic

Mercoledì e giovedì alle ore 17,30 due appuntamenti per la presentazione e l'illustrazione del documento che sostituisce il precedente Piano datato 22 giugno 1994, regola le modalità di fruizione dell’area protetta e include il Regolamento del Parco

Nuovo Piano di gestione territoriale del Parco Mont Avic

Le possibili linee di sviluppo delle differenti attività dell’uomo  compatibili con la conservazione dell’ambiente, nel rispetto delle  normative  comunitarie, nazionali e regionali  sono il cardine su cui ruota il nuovo Piano di Gestione Territoriale del Parco Mont Avic.

Il documento è stato approvato con  deliberazione della Giunta regionale n° 794 del 19 giugno 2018, ed è stato redatto in forma  sintetica, citando nel testo e in appositi allegati i riferimenti normativi e le fonti  bibliografiche riguardanti gli aspetti ambientali e socio-economici del territorio.

Il  documento, composto da cinque parti sarà presentato e illustrato nel corso di due incontri in programma a Champorcher mercoledì 22 e a Champdepraz giovedì 23 agosto, alle 17,30. Saranno presentati anche dati documentali, quantitativi e cartografici. 

“Il documento - si legge in una nota del Parco - precisa le possibili linee di sviluppo delle differenti attività dell’uomo  compatibili con la conservazione dell’ambiente, nel rispetto delle vigenti normative  comunitarie, nazionali e regionali. Questo importante dispositivo normativo, che sostituisce il precedente Piano datato 22  giugno 1994, regola le modalità di fruizione dell’area protetta e include il Regolamento  del Parco”.

Il testo è stato redatto internamente, utilizzando fra l’altro una serie di studi  realizzati nell’ambito del progetto di cooperazione transfrontaliera Alcotra Italia-Francia  “COGEVA-VAHSA”; ciò ha consentito di ridurre al minimo i costi a carico dell’Ente gestore.

La concertazione con tutti i soggetti potenzialmente interessati è avvenuta in tre fasi: una prima durante la fase di stesura, una seconda mediante la procedura di VAS Valutazione  Ambientale Strategica e una terza conseguente alla pubblicazione sul Bollettino ufficiale della Regione del testo adottato dal Parco, con successivo esame delle  osservazioni pervenute prima dell’approvazione definitiva.   

red. eco.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore