POLITICA | lunedì 17 dicembre 2018 16:37

POLITICA | giovedì 09 agosto 2018, 15:47

Sindaco e assessori di Aosta 'a rapporto' in Regione dal consigliere di minoranza Andrione

Etienne Andrione, consigliere comunale di minoranza ad Aosta e collaboratore di fiducia della Presidente Spelgatti

Etienne Andrione, consigliere comunale di minoranza ad Aosta e collaboratore di fiducia della Presidente Spelgatti

Niente è ormai impossibile, nello stravolto quadro politico valdostano. Accade così che ieri, mercoledì 8 agosto, il sindaco di Aosta, Fulvio Centoz da alcuni assessori si sia recato in Regione per un incontro con la Presidente della Giunta, Nicoletta Spelgatti, per discutere gli importanti assi del programma 'Aosta Capitale' e si sia invece trovato di fronte, in rappresentanza dello chef du Gouvernement, nientemeno che il  nuovo collaboratore di Spelgatti, Etienne Andrione, accompagnato dall'assessore alle Finanze, Stefano Aggravi.

Detta così, sembrerebbe nulla di particolarmente straordinario, se non fosse che lo stesso Andrione è consigliere di minoranza per la Lega Vda in Consiglio comunale ad Aosta. Comprensibile imbarazzo da parte di Centoz e assessori, ed è facile immaginare il compiacimento del consigliere di opposizione Andrione nel trovarsi a confronto con la 'sua' giunta comunale non da ignaro interpellante bensì in un ruolo di vertice con ben più ampi poteri. Nicoletta Spelgatti ha giustificato la sua assenza con altri impegni urgenti e improrogabili, e nulla dimostra il contrario.

"L'assenza della Presidente alla riunione è senz'altro giustificabile anche se forse, visti i nostri rispettivi ruoli, meglio sarebbe stato da parte sua chiedere un rinvio dell'incontro - commenta il sindaco Centoz - ma desta perplessità la scelta di delegare in sua vece uno stretto collaboratore che ricopre anche il ruolo di consigliere comunale aostano di minoranza: correttezza istituzionale imporrebbe una figura quantomeno 'neutra'".

Sull'esito dell'incontro, che comunque non è stato certamente risolutivo, al momento non è dato sapere nulla di più.

patrizio gabetti

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore