CRONACA | lunedì 17 dicembre 2018 16:36

CRONACA | giovedì 09 agosto 2018, 12:33

Passeur 'sbaglia' traforo e finisce in manette

Passeur 'sbaglia' traforo e finisce in manette

Succede più volte di quanto s'immagini, che un malvivente finisca in manette per aver commesso un errore grossolano.

"Ho sbagliato strada. Volevo tornare in Francia, non mi sono reso conto di aver preso il traforo sbagliato". Capita così che, in tribunale ad Aosta, un trentenne tunisino, Akram Ben Dhaou, arrestato per favoreggiamento dell'immigrazione clandestina al tunnel del Gran San Bernardo, al confine con la Svizzera, spieghi al giudice di essere stato fermato "perchè ho sbagliato strada. Volevo tornare in Francia, non mi sono reso conto di aver preso il traforo sbagliato". Per rientrare a casa a Vigny (40 chilometri da Parigi) il percorso attraverso il traforo del Monte Bianco sarebbe stato il più breve, ma soprattutto anche il più sicuro: la Svizzera è Paese extraeuropeo e le sue frontiere sono molto controllate.

Ben Dhaou è stato fermato dalla polizia ieri, mercoledì 7 agosto: a bordo della sua auto c'erano tre uomini senza documenti d'identità. Non è stato trovato in possesso di denaro. Uno dei trasportati sarebbe suo fratello, gli altri hanno dichiarato di essere suoi cugini. Il gruppo era partito da Milano.

Assistito dall'avvocato Giovanni Borney, il tunisino ha patteggiato un anno di reclusione e 30 mila euro di multa (pena sospesa). Il giudice monocratico Davide Paladino (pm Carlo Introvigne) ha inoltre disposto la confisca del veicolo.

red. cro.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore