ISTRUZIONE E FORMAZIONE | venerdì 19 ottobre 2018 05:27

ISTRUZIONE E FORMAZIONE | lunedì 16 luglio 2018, 10:30

La sicurezza cardine per attività Pro Loco

L’appuntamento è per MERCOLEDI' 18 LUGLIO 2018 - ORE 18 c/o SALA CONGRESSI BCC VALDOSTANA - VIA GARIBALDI 3 – AOSTA. Il corso è aperto ai dirigenti delle Pro Loco. L’incontro ha l’obiettivo di chiarire le disposizioni che riguardano la sicurezza delle manifestazioni, introdotte nell’estate 2017 a seguito dei fatti di Piazza San Carlo a Torino

Pericle Calgaro

Pericle Calgaro

Feste e sagre sono espressioni dell’identità e della cultura di un territorio e, come tali, devono essere valorizzate e tutelate anche da eventuali plagi rappresentando un fondamentale strumento di promozione e valorizzazione dei prodotti tipici del territorio, ma soprattutto devono essere organizzate in modo da garantire la sicurezza del pubblico e dei volontari che le organizzano.

Una convinzione che ha convinto Pericle Calgaro, Presidente dell’Associazione Pro Loco VdA, nonché consigliere nazionale Unpli, ad organizzare un corso formativo riguardante  sul tema: ‘La gestione di eventi e manifestazioni - sicurezza tra obblighi e responsabilità’.

 

L’incontro ha  l’obiettivo di chiarire le disposizioni che riguardano la sicurezza delle manifestazioni, introdotte nell’estate 2017 a seguito dei fatti di Piazza San Carlo a Torino (Circolare Gabrielli) e che oggi mettono a rischio la sopravvivenza di migliaia di manifestazioni.

La serata dedicata alle pro loco valdostane e non solo, ha l’obiettivo di sottolineare che la sicurezza va intesa come elemento intrinseco dell’organizzazione degli eventi e che prestarci attenzione va a tutto vantaggio della serenità degli organizzatori.

E’ fondamentale far capire il senso delle azioni richieste, che non è quello di impedire la realizzazione degli eventi ma, piuttosto, di indicare le azioni necessarie per agire nel modo corretto, con il fine ultimo di tutelare l’incolumità delle persone e degli organizzatori.

Nel caso delle Pro Loco, essendo gli organizzatori dei volontari, questo aspetto diventa ancora più rilevante. "La difficoltà maggiore che emerge tra le Pro Loco spiega Calgaro - non sta nell’affrontare le regole, ma nel sapere quali adempienze siano necessarie per poter agire in modo corretto, in un campo tecnico e professionale che non è quello dei volontari, ma con il quale bisognerà imparare a rapportarsi con sempre maggior competenza".

 

red. eco.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore