Aosta Capitale | martedì 11 dicembre 2018 06:33

Aosta Capitale | sabato 14 luglio 2018, 05:00

Aosta: Fumata nera per rimpasto giunta. Tensioni in maggioranza

Piovono polemiche nella maggioranza comunale

Piovono polemiche nella maggioranza comunale

Una sfinge. Così descrivono il sindaco di Aosta, Fulvio Centoz, i vari esponenti politici che lo incontrano per discutere del futuro del governo cittadino e per analizzare la situazione politica. Ieri c’è stato un incontro con il 50% del gruppo misto di maggioranza formato da Luca Zuccolotto e Vincenzo Caminiti usciti dal gruppo Uv. L’altro 50% è composto dagli esponenti di Epav: Luca Girasole e Sara Dosio, che hanno fatto parte della Stella alpina fino a quando il movimento ha preso parte al ribaltone che ha relegato l’Uv all’opposizione.

Ora il sindaco si trova a dover scegliere tra il 50% degli ex unionisti o il 50% dell’Epav che candida all’assessorato alla sanità, che era di Marco Sorbara (Uv eletto in Consiglio Valle) Luca Girasole. Il 50% degli ex unionisti, che nel frattempo si sono messi sotto l’ala protettrice del PnV-Stella alpina, pensano anche loro all’assessorato alle politiche sociali per Vincenzo Caminiti..

A fare da terzo incomodo è il Pd che chiede l’assessorato per Michele Monteleone, oggi presidente del Consiglio comunale. La decisione è tutta politica ed il sindaco del Pd, che ieri incontrato Zuccolotto, La Torre e Fosson, ha una decina di giorni per decidere, altrimenti salta tutto e le elezioni anticipate sono dietro l’angolo.

Nel gioco della candela potrebbe restare senza sedia Valerio Lancerotto (Uv), assessore ai Lavori Pubblici, un tempo uomo di fiducia del Presidente Fosson, ma che oggi pare abbia tagliato il cordone ombelicale; per questo Fosson punterebbe a portare in Giunta Caminiti per sostituire Sorbara.

Per semplificare: Caminiti all’assessorato alle politiche sociali e Michele Monteleone ai Lavori Pubblici e Girasole alla Presidenza del Consiglio. Ma Epav punterà i piedi e quindi Girasole andrà ai Lavori Pubblici, Monteleone ai Servizi Sociali e, anche se la cosa non è particolarmente gradita, Caminiti alla Presidenza del Consiglio, nonostante l’ex unionista manifesti assoluto disinteresse a ricoprire un incarico che non sia fortemente calato nel welfare aostano.

pi.mi.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore