Consiglio Valle | giovedì 19 luglio 2018 09:47

Consiglio Valle | mercoledì 11 luglio 2018, 11:37

Duro attacco di Testolin alla Presidente Spelgatti

La Presidente ‘ama a presentarsi in pubblico e sui mezzi di comunicazione annichilendo, offendendo, barbarizzando e presentando in maniera distorta la realtà valdostana’

“Prendiamo atto che nulla riferisce al Consiglio in merito ad iniziative politiche o amministrative preferendo invece esprimersi attraverso i mezzi di informazione con parole che peraltro quando pronunciate continuano ad essere più degli spot elettorali piuttosto che delle concrete azioni di governo”. E’ solo l’aperitivo che Renzo Testolin, capogruppo dell’Uv intervenuto in aula, ha offerto alla Presidente Spelagatti, ricordando che fino ad oggi, “la Giunta ha approvato una quarantina di delibere, un quarto delle quali  già stati predisposti dal vecchio esecutivo ma che nell'ultima seduta non erano poi stati deliberati per l'assenza del competente assessore”.

Fino qui quindi, secondo Testolin, “nessun grande sforzo, nessun gran lavoro della nuova giunta e del suo Presidente, Presidente che però con fare poco consono al ruolo che ricopre e con una terminologia che a nostro avviso andrebbe assolutamente rivista e ammorbidita ama continuare a presentarsi in pubblico e sui mezzi di comunicazione annichilendo, offendendo, barbarizzando e presentando in maniera distorta la realtà valdostana”.

Per Testolin “la terminologia utilizzata dalla presidente Spelgatti terminologia che trovo difficoltà persino a ripetere perché il marciume di cui parla la presidente è un concetto talmente lontano dalla realtà valdostana dalla sua gente e dalle sue istituzioni che mi infastidisce come cittadino ancor prima che come eletto in consiglio regionale”.

Ma il capogruppo unionista ne ha anche per gli altri gruppi di maggioranza che “pur essendo considerati concausa di questo sedicente sfasciume possano assecondare queste affermazioni”. Testolin confida però che “l’inerzia dei compagni i viaggio della Lega  sia solo momentanea e che anche loro come altre migliaia di valdostani sani, onesti e da sempre al servizio della nostra regione si sentano profondamente offesi dalle avventate affermazioni della Presidente e abbiano voglia di smarcarsi da questo modo assolutamente non tollerabile di qualificare la nostra regione e  assolutamente offensive per chi ha contribuito nel tempo a lavorare per il bene della nostra Valle”.     

red. pol.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore