ECONOMIA | venerdì 22 giugno 2018 00:09

ECONOMIA | giovedì 14 giugno 2018, 13:29

Maestre protestano a Palazzo regionale contro licenziamento anticipato colleghi diplomati

"Ca custa lon ca custa, difendiamo il diploma ad Aosta". Efficacemente 'rivisitato', lo storico slogan del Battaglione Aosta degli alpini è scandito dalle insegnanti della scuola elementare che questa mattina hanno organizzato un presidio di protesta nel piazzale del Palazzo regionale.

Chiedono un incontro con i vertici della Sovrintendenza regionale agli studi per discutere dei licenziamenti subiti dai loro colleghi valdostani diplomati magistrali "a causa degli esiti negativi dei processi - si legge in una nota sindacale della Confederazione unitaria di base-Cub - che riguardano il loro diritto al posto di lavoro a tempo indeterminato e/o alla permanenza nelle graduatorie in esaurimento".

"I colleghi licenziati erano titolari di nomine sino al 30 giugno o addirittura 31 settembre - prosegue il comunicato - e si trovano ora con un'anticipazione di licenziamento al 15 giugno". Secondo gli insegnanti della scuola primaria "questo comportamento da parte della Sovrintendenza è inaccettabile poichè se le nomine sono per un certo tempo, almeno per quel tempo vanno mantenute". Le maestre chiedono "a gran forza" alla Sovrintendenza "la continuità almeno fino al termine naturale dei contratti".

p.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore