CULTURA | giovedì 21 giugno 2018 23:47

CULTURA | mercoledì 13 giugno 2018, 11:38

Musica senza confini nella magia di Chamois, il programma di Chamoisic

Il pianisdta Beppe Barbera tra i protagonisti della rassegna

Dal jazz alla musica antica e di contaminazione; dall’improvvisazione all'elettronica, all’uso di nuovi strumenti elettroacustici; dalle tradizioni musicali rivisitate alla scoperta di suoni di paesi lontani; questo è lo spirito di CHAMOISic, il festival che colloca musica jazz, sperimentale ed elettronica in un contesto naturalistico d’eccezione. Quest'anno il festival arriva alla sua nona edizione espandendosi in sette comuni della Valle d'Aosta, in calendario dal 20 luglio al 5 agosto.

L’apertura del Festival sarà ospitata dal Comune di Valtournenche con la performance multimediale dei Spime.Im, un progetto lanciato in questi mesi, di pura innovazione, perché gli artisti useranno come interfacce per suonare e produrre ambientazioni video le loro mani attraverso dei guanti interattivi. A seguire il solo di violoncello del valdostano Stefano Blanc impegnato in un repertorio classico e contemporaneo del Novecento.

Tra le novità di quest'anno la partecipazione del Comune di Saint-Vincent che ospiterà il concerto del quartetto guidato dal pianista valdostano Beppe Barbera. Anteprima in jazz anche per Antey-Saint-Andrè.  Con Riccardo  Tesi e Gian Luigi Carlone,  il primo è uno tra i suonatori italiani di organetto più conosciuti nel mondo, il secondo è musicista eclettico e narratore, si va  per le vie del borgo medievale di Etroubles. Tra le anteprime e l’esibizione dell’installazione sonora "La Forza dell’Acqua" curata da CHAMOISic con il collettivo Audio HackLab e realizzata grazie a CVA Trading presso gli spazi espositivi della Centrale idroelettrica di Maën a Valtournenche. L’installazione è un racconto interattivo sull’acqua che diventa energia sonora e sarà in mostra fino al 2 settembre.

Dal 3 agosto si sale a Chamois e i primi ad esibirsi saranno gli Eazycon, tra wave, progressive e free jazz, all’insegna dell’improvvisazione e dell’imprevedibilità, seguiti da Trilok Gurtu per un concerto esclusivo nella splendida cornice del Lago di Lod. Nelle locande di Chamois Il jazz vedrà alternarsi Alkaline Jazz Trio, Hard Bop Reunion e crossover con il linguaggio contaminato del rap di Frankie hi-nrg mc affiancato agli strumenti del jazz-rock dei torinesi Aljazzera, un progetto appena prodotto per Torino Jazz Festival.

E poi ancora jazz-rock e blues in giro per Chamois con l'energia dei Tommaso Gemini. A chiudere il cerchio sarà la tradizione della pizzica con una delle band più importanti del Salento, il Canzoniere Grecanico Salentino.

a. b.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore