ECONOMIA | giovedì 18 ottobre 2018 01:15

ECONOMIA | mercoledì 16 maggio 2018, 11:40

La costruiranno gli svizzzeri la futura, nuova funivia per il collegamento Cervinia-Zermatt

La costruiranno gli svizzzeri la futura, nuova funivia per il collegamento Cervinia-Zermatt

Lo costruirà un' associazione di imprese elvetiche, il maxi impianto funiviario che collegherà le due più importanti località turistiche ai piedi del Cervino, la cittadina svizzera di Zermatt e la valdostana Breuil-Cervinia.

Il costo previsto dell'ambiziosa opera, secondo quanto riferito da alcuni media del Valais, è di 80 milioni di franchi svizzeri, cioè oltre 67 milioni di euro. Al raddoppio della telecabina di salita da Zermatt al Piccolo Cervino (3.883 metri di quota) si aggiungerebbe una funivia fino al Plateau Rosà (3.458 metri) a pochi metri dal confine italiano e dall'arrivo degli impianti che portano a Cervinia.

"I lavori inizieranno nel 2019 - ha confermato all'Ansa Federico Maquignaz, presidente della Cervino spa, società che gestisce gli impianti sul versante valdostano - noi siamo stati coinvolti dagli svizzeri, abbiamo concordato con loro l'arrivo, anche se tutto si farà nel loro territorio: c'è una collaborazione per lo sviluppo futuro dei nostri comprensori".

La nuova, faraonica funivia consentirà ai turisti di entrambe le località di scavalcare la catena alpina senza gli sci ai piedi, così come già avviene sul Monte Bianco tra Italia e Francia.

"Sarà un'opera di fondamentale importanza per la Valtournenche", ha aggiunto Maquignaz. La Fondazione svizzera per la protezione dell'ambiente - secondo quanto riferiscono alcuni giornali elvetici - ha già detto no al progetto paventando una 'disneylandizzazione' del comprensorio della Gran Becca.

red. eco.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore