ECONOMIA | martedì 21 agosto 2018 23:16

ECONOMIA | mercoledì 16 maggio 2018, 09:59

Celva chiede stato calamità per il maltempo

foto repertorio

Il Comitato esecutivo del CPEL ha scritto una lettera al Presidente della Regione, all’Assessore all’agricoltura e risorse naturali e all’Assessore alle opere pubbliche, difesa del suolo e edilizia residenziale pubblica per sollecitare la dichiarazione dello stato di calamità naturale sul territorio dei Comuni valdostani, a seguito delle avverse condizioni meteorologiche e delle precipitazioni nevose straordinarie dello scorso inverno.

Il Comitato esecutivo ha così inteso segnalare alle Autorità regionali competenti la situazione di estrema difficoltà in cui versano alcuni enti locali, di cui ne condividono le preoccupazioni, e comunque nell’ambito di un più ampio monitoraggio che si sta promuovendo di concerto tra amministratori e tecnici regionali e comunali.

Infatti, con l’avanzare della stagione primaverile, negli ultimi giorni diversi Sindaci hanno segnalato al CPEL numerosi disagi che hanno interessato i propri territori, e in particolar modo la viabilità delle strade regionali e comunali, oltre ai danni che hanno interessato le infrastrutture pubbliche e private relative a opere a rete e puntuali, come nel caso di alpeggi, mayens, vasche acquedotti, punti vendita e strutture temporanee.

Per il Comitato esecutivo si tratta di problematiche di natura grave ed eccezionale anche in una regione totalmente montana come la nostra, poiché, oltre alle ingenti precipitazioni nevose straordinarie invernali si sono aggiunte le piogge delle ultime settimane, nonché i danni ingenti determinati dal vento forte che lo scorso inverno ha divelto numerosi alberi su interi versanti, rendendo pericoloso, e in alcuni casi impossibile, il transito sui sentieri e deteriorando anche i guardrail e le opere di sicurezza passiva delle strade.

La dichiarazione dello stato di calamità naturale per l'intero territorio regionale permetterebbe di offrire delle risposte certe e delle soluzioni rapide ai Sindaci, ai cittadini valdostani, agli imprenditori e in particolare agli agricoltori impegnati nelle imminenti attività di monticazione.

red. eco.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore