POLITICA | martedì 25 settembre 2018 21:53

POLITICA | mercoledì 21 marzo 2018, 15:46

Gignod: Consigliere Parisi sollecita avvio 'baratto amministrativo

L'esponente indipendente propone anche emendamenti al bilancio riguardanti il taglio in percentuale ai gettoni di presenza dei consiglieri a favore di attività per giovani, anziani, famiglie e giovani agricoltori

Fabio Parisi

Un regolamento comunale che introduca la possibilità del 'Baratto amministrativo' tra i residenti e l'Amministrazione comunale. Lo propone, con una mozione che impegna il sindaco e la Giunta, il consigliere indipendente al Comune di Gignod Fabio Parisi, specificando che l'eventuale provvedimento di mutua collaborazione dovrà definire "i destinatari, i criteri e le modalità di svolgimento delle attività, in armonia con le previsioni della Costituzione e dello Statuto comunale".

Parisi ricorda che il baratto amministrativo è previsto da una legge statale del 2014 in materia di “Misure di agevolazioni della partecipazione delle comunità locali in materia di tutela e valorizzazione del territorio” e in sostanza permette ai Comuni di deliberare riduzioni o esenzioni di tributi a fronte di interventi per la riqualificazione del territorio, da parte di cittadini singoli o associati.

"Gli interventi  - spiega Parisi nella mozione - potrebbero riguardare la pulizia, la manutenzione ordinaria delle strade, la pulizia delle aree di sosta e delle aiuole, l’ assistenza alle scolaresche, lo sgombero neve, il recupero e riuso, con finalità di interesse generale, di aree e beni immobili inutilizzati e, in genere, la valorizzazione di una limitata zona del territorio urbano, nonché interventi a supporto delle attività amministrative e culturali promosse dall’ente". Il consigliere ricorda poi "la situazione di grave crisi economica che, anche se in maniera differente e meno impattante, sta attraversando anche la nostra Regione e il nostro Comune, determinando per alcune fasce sociali difficoltà nel pagare i tributi comunali e non solo".

Secondo Parisi il baratto amministrativo "costituirebbe un’opportunità di ridare dignità a chi, per contingenti e transitorie situazioni di emergenza, è costretto a chiedere frequenti aiuti o diventare frodatore fiscale non colpevole, mettendosi a disposizione della propria Comunità sentendosi utile"; inoltre l'iniziativa "potrebbe offrire un duplice vantaggio in quanto da un lato consentirebbe ai contribuenti in difficoltà di assolvere ai propri doveri e dall’altro per il Comune, vista la mancanza di risorse, di poter ottenere lo svolgimento di attività di difficile esecuzione".

Inoltre, per il prossimo consiglio comunale, l'esponente indipendente propone anche emendamenti al bilancio riguardanti il taglio in percentuale ai gettoni di presenza dei consiglieri a favore di attività per giovani, anziani, famiglie e giovani agricoltori.

p.g.

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore